“Mi creda, mia figlia ha veramente bisogno della scuola, mi aiuti a farle ripetere l’anno!”. Questa apparentemente inusuale richiesta non proviene da un genitore masochista e desideroso di punire in modo esemplare la propria figlia, ma da una madre di una ragazza disabile.

E’ strano che accada solo per un osservatore superficiale: in realtà succede quando dopo la scuola – ma sarebbe meglio scrivere: perduta la scuola – i disabili vengono inghiottiti dall’abisso della solitudine all’interno delle loro famiglie.

Eppure molte famiglie avevano sperato che, dopo l’anno scolastico trascorso per lo più a casa per l’emergenza Covid, il governo recepisse la necessità per i loro figli di vivere ancora questo anno di scuola strappato via. Riconosco di avere confidato anche io nella sensibilità del ministro e del suo staff. Ho sbagliato.

Come spesso accade in Italia la politica annuncia scelte e ipotizza possibilità che alla luce dei fatti si dimostrano irrealizzabili. Quando questo accade con chi, i disabili e le loro famiglie, sono impegnati tutti i giorni in una vita faticosa, la scoperta è più dolorosa.

La nota ministeriale 793 del 8 giugno 2020 interviene a precisare che la possibilità di ripetere l’anno non è riservata agli alunni che frequentano l’ultimo anno dei cicli di scuola, ma soltanto per quelli di altre classi. Straordinario! Praticamente si prevede solo la possibilità, peraltro affidata a casi eccezionali e incardinata alla decisione del dirigente scolastico, di ripetere l’anno al prezzo di perdere contemporaneamente la continuità didattica ed affettiva con i propri compagni di classe.

Quale mente eccelsa possa aver pensato questo resta un mistero; la certezza è che nessuno di quelli che hanno affrontato la questione lo abbia fatto pensando “di chi” stessero occupandosi. Caro alunni disabile, ripetere l’anno è praticamente impossibile ma se proprio ci riesci devi perdere anche tutte le tue relazioni! Se non fosse tutto vero sarebbe incredibile da credere.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scuola, addio ai “quadri” affissi in corridoio: ammissione e voti saranno pubblicati solo nel registro elettronico

next
Articolo Successivo

Riapre tutto, tranne la scuola. Se mancherà un piano di rientro certo sarà dispersione

next