A una settimana dal clamoroso commissariamento di Uber Italy per caporalato, la rete nazionale ‘Rider X i diritti‘ ha indetto uno sciopero bianco per questo fine settimana in diverse città di Italia per denunciare “la situazione di assoluta precarietà in cui stanno lavorando tutti i fattorini del delivery”. I fattorini non faranno le consegne al piano e chiederanno ai clienti di scendere a ritirare il cibo. Insieme al pasto verrà consegnato materiale informativo sulla condizione dei lavoratori in questo settore.

“Non sono pervenute le forniture dei dispositivi di protezione individuale (mascherine, guanti, gel sanificante, alcol per i cassoni) alla maggior parte dei lavoratori, mettendo così in serio pericolo sia la salute dei rider (e dei loro famigliari) che quella dei clienti che utilizzano il servizio di consegna a domicilio”, scrive la rete in una nota pubblicata sulla pagina Facebook di Deliverance Milano. Inoltre “nonostante l’emergenza sanitaria e la pandemia in corso, Assodelivery (l’associazione che raduna le maggiori piattaforme) non ha risposto alle ripetute richieste di incontro dei lavoratori che hanno chiesto di discutere i protocolli su salute e sicurezza nelle sedi istituzionali tra le parti sociali”.

La rete dei fattorini, che lancia gli hashtag #scioperorider e #iononconsegnoalpiano, chiede “ai clienti nei giorni di venerdì 5, sabato 6 e domenica 7 giugno di scendere a ritirare la consegna al portone, mantenendo la sicurezza di 1 metro e mezzo, perché la nostra sicurezza è la loro e siamo stanchi di non essere ascoltati dalle multinazionali che si comportano con noi come dei caporali”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sara Mingardo, la sua lettera mi ha colpito. Rinunciare a cantare per un’artista come lei è un atto di protesta

next