Non è un film di spionaggio o di fantascienza. David e Victoria Beckham hanno deciso di costruire sotto la loro casa di Cotswolds, Inghilterra, un tunnel per poter fuggire in caso di rapina o aggressione. Hanno paura, riporta Daily Express, per questo la coppia miliardaria ha voluto apportare qualche modifica alla villa a pochi chilometri da Oxford, casa tra l’altro in cui tutta la famiglia, i coniugi più i quattro figli, ha passato la quarantena in questo periodo di lockdown.

La notizia è stata diffusa pochi giorni dopo che il centrocampista del Tottenham Dele Alli è stato derubato, malmenato e minacciato con un coltello nella sua casa a Nord di Londra, da due uomini con il volto coperto che hanno fatto irruzione attraverso un’entrata posteriore e hanno rubato gioielli, contanti e orologi di valore. Non stupisce quindi che i Beckham abbiamo scelto di proteggere almeno se stessi facendo costruire un tunnel sotto salotto e cucina che porti direttamente al garage. L’architetto, che ha disegnato il progetto, ha raccontato che verrà realizzata una nuova cantina nel seminterrato sotto l’attuale garage e che questi verranno collegati tramite una passerella. La cantina, usata normalmente per riporre pregiate bottiglie di vino, in caso di necessità si trasformerà in un rifugio per tutta la famiglia Beckham. Secondo il progetto, la villa verrà estesa di ben tre nuovi vani sotterranei collegati tutti alla dependance.

David e Victoria Beckham potrebbe aver preso spunto dagli amici Harry e Meghan, i duchi del Sussex. Proprio la scorsa settimana, infatti, la coppia ha deciso di aumentare le misure di protezione nella casa di Los Angeles con guardie armate presenti ventiquattro ore su ventiquattro davanti alla loro villa e droni che la sorvolano.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Torna da “una festa con amici e parenti” in Spagna e scopre di avere il coronavirus: in isolamento il principe Joachim del Belgio

next
Articolo Successivo

Al Bano Carrisi: “Ho solo 1470 euro di pensione, non capisco come sia possibile”

next