Un gruppo di scimmie si è intrufolato nei locali del Meerut Medical College e ha attaccato un tecnico di laboratorio che stava trasportando dei campioni di sangue prelevati da pazienti con sintomi riconducibili al Coronavirus. È successo in India, come riferisce il Guardian, nel polo ospedaliero della capitale dello stato dell’Uttar Pradesh e a quanto pare l’episodio sarebbe stato causato dalla fame delle scimmie, che in questo periodo stanno soffrendo la mancanza dei turisti che di solito affollano la zona lasciando spesso loro qualcosa da mangiare. Gli animali sono poi scappati con le provette di sangue potenzialmente infetto e, poco più tardi, uno di questi animali è stato avvistato su un albero poco distante, intento a masticare uno dei campioni.

Secondo le prime ricostruzioni, durante l’attacco una scimmia ha rotto un campione mentre parti di alcuni kit sono state viste anche nel terreno sotto l’albero dove ne è stata avvistata un’altra. Sull’accaduto indaga la polizia: Amir Haque, capo dell’ufficio di polizia di Lucknow, ha detto a Sky News che la presenza delle scimmie nella zona era già stata segnalata ma che nessuno immaginava che si introducessero nei laboratori. Ora, ha detto Haque, c’è il rischio che le scimmie diffondano l’infezione. “Mentre gli animali non possono essere responsabili del trasporto di questa malattia, se stanno portando questi test campione e si spostano dal college medico alle aree residenziali, allora sicuramente se ci sono kit contaminati lì, allora loro possono diffondere il infezione ulteriormente“. Secondo il Guardian invece, i kit sarebbero stati recuperati integri e non avrebbero subito danni da parte delle scimmie.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Complottista contagiato dal coronavirus finisce in terapia intensiva con la moglie e si pente: “Attenti a cosa leggete sul web”

next
Articolo Successivo

Pappagallo assiste all’omicidio della sua padrona: da allora ripete le ultime parole della donna, chiamato a testimoniare in tribunale

next