Un progetto faraonico: è quello lanciato dai giganti del digitale per migliorare la connettività dei paesi africani. Parliamo di 2Africa, un cavo sottomarino lungo 37mila chilometri, che partirà dalla Gran Bretagna e, toccando il Portogallo, farà poi il periplo dell’Africa, connettendo 23 paesi, di cui 16 africani e due mediorientali. Una delle più grandi infrastrutture sottomarine al mondo.

A volere l’opera, un consorzio di otto colossi: in primis Facebook, China Mobile International e la francese Orange, cui si affiancano la sudafricana MTN GlobalConnect, STC (Saudi Telecom Company), Telecom Egypt, la britannica Vodafone e WIOCC (West Indian Ocean Cable Company). Alla realizzazione tecnica del gigantesco progetto penserà Alcatel Submarine Networks (ASN), società di proprietà di Nokia. Tempi previsti per la conclusione dei lavori: 2023 o 2024.

2Africa sarà uno dei cavi più lunghi al mondo e collegherà Europa, Africa e Medio Oriente, percorrendo l’oceano Atlantico, quello Indiano, il golfo d’Aden, il Mar Rosso e il Mediterraneo. Toccherà, oltre ai paesi africani costieri, anche Oman e Arabia Saudita, per unire infine l’Egitto all’Italia, nella parte finale del periplo.

Nel continente con il più alto tasso di crescita di utenti internet al mondo, la necessità di colmare il digital divide e di fornire un’infrastruttura adeguata alla banda larga e alle reti 4G e 5G sarà raggiunta tramite l’impiego della nuova tecnologia Sdm1, con implementazione fino a un massimo di 16 coppie di fibre ottiche contro le 8 supportate dalle tecnologie più datate, con capacità maggiori e costi di servizio inferiori. Rispetto ai sistemi più vecchi, sarà inoltre accresciuta del 50% la profondità dei cavi, per limitare l’impatto ambientale ed aumentare la stabilità della linea. Secondo i membri del consorzio, il progetto fornirà in maniera duratura nuove capacità informatiche al continente, “in modo equo e giusto”, contribuendo a un “ecosistema internet sano”.

Tuttavia, secondo Qemal Affagnon dell’ong Internet senza frontiere, gli obiettivi dichiarati non corrisponderebbero alle necessità reali: la fibra ottica sottomarina già esistente sarebbe infatti abbondantemente sottoutilizzata, tanto che per l’Africa occidentale Affagnon parla addirittura di un 20% delle capacità di traffico utilizzata. Dunque i paesi africani già oggi “non beneficiano dei vantaggi che dovrebbero fornire queste istallazioni”. Non solo: “Ci sono delle inquietudini sulle garanzie riguardo ai dati che transitano. Perché oggi questi cavi appartengono a imprese private e tutta l’attività che si sta sviluppando rischia, alla fine, di portare maggiori vantaggi agli interessi privati, mentre le popolazioni a cui queste installazioni dovrebbero offrire vantaggi restano costantemente nell’incapacità di accedere ai contenuti online e a volte persino di scaricare documenti”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Trump sfida la Cina su Hong Kong: stop a status speciale, sanzioni ai dirigenti e limiti a società e cittadini cinesi. “Violata autonomia ex colonia britannica”. Poi annuncia la fine della relazione con l’Oms

next
Articolo Successivo

George Floyd, l’autopsia: “Non è morto per asfissia né strangolamento”. Poteste infiammano gli Usa: uccisi 19enne e un agente, centinaia di arresti. Casa Bianca sotto assedio. Pentagono prepara i militari

next