C’è un sospetto caso di positività nello staff tecnico del Bologna e la squadra è stata costretta a sospendere gli allenamenti. Se il contagio di un collaboratore dell’allenatore Sinisa Mihajlovic dovesse essere confermato, l’intero ‘gruppo squadra’ dovrà isolarsi in ritiro secondo le linee guida dettate da Figc e Lega Serie A per la ripresa del campionato di calcio di Serie A.

L’annuncio è stato dato dalla società con una nota: “L’ultima serie di esami a cui è stato sottoposto il gruppo-squadra ha evidenziato un caso di sospetta positività al Covid-19 relativamente a un membro dello staff”, si legge nel testo diffuso dal club. “In attesa di ulteriori approfondimenti, la squadra in via precauzionale riprenderà domani gli allenamenti in forma individuale e ad orari differenziati senza uso di locali comuni – si legge – Nel caso in cui fosse confermata la positività, il gruppo-squadra sarà isolato in ritiro”.

La notizia arriva alla vigilia di uno degli incontri decisivi per la ripresa dei campionati di A, B e C. Si tratta di una grana non da poco in vista della ripartenza che, in caso di assenso del governo e del Comitato tecnico scientifico, dovrebbe essere fissata il 13 o il 20 giugno. In caso di conferma del contagio, il Bologna andrà in ritiro fiduciario al Savoia Regency in zona San Donato, individuato dal club come hotel specifico per questi casi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Diritti tv, la Serie A pronta a far causa a Sky: decreto ingiuntivo per il mancato pagamento dell’ultima rata annuale (Covid permettendo)

next
Articolo Successivo

Domeniche Bestiali – Dal golden gol con l’Under 21 campione d’Europa alla scuola calcio per bambini in Puglia: la classe senza età di Orlandini

next