So come sta Schumacher, abbiamo sempre avuto un rapporto molto stretto”. A rivelarlo è l’ex pilota della Ferrari Felipe Massa che in un’intervista a “Fox Sports” ha parlato per la prima volta del suo rapporto con Michael Schumacher, il campione di Formula 1 che è stato suo compagno di squadra al Cavallino Rampante nel 2006 finito in coma farmacologico dopo un terribile incidente con li sci. “La situazione di Michael è molto complicata – ha spiegato il pilota brasiliano -. Ma rispetto la privacy e se la sua famiglia non vuole rilasciare notizie particolari sul suo stato di salute, perché dovrei farlo io? Sogno e prego ogni giorno che possa migliorare”.

Massa ha precisato poi che nonostante lo “stretto rapporto che aveva con Schumacher”, lo stesso non si può dire con la moglie Corinna:Con lei ho un rapporto un po’ meno stretto, perché veniva raramente a vedere le gare dal vivo”, ha detto. Insomma, l’ex ferrarista non si è voluto sbilanciare, ma ha fatto capire che la situazione resta comunque molto difficile.

Felipe Massa ha parlato poi anche anche di Mick Schumacher, figlio di Michael, che quest’anno correrà ancora in Formula 2 e ma aspira a trovare un posto in Formula 1: “Anche io sono padre e conosco il significato di un legame simile. Sarebbe bello rivedere Michael in un circuito specialmente ora che suo figlio corre. Potere incoraggiarlo, seguirlo, applaudirlo. Sarebbe magnifico”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scuole di danza aperte dopo il lockdown. Dai saggi annullati alle paure dei genitori: “Troppi costi per mettere in sicurezza, c’è chi resterà chiuso”

next
Articolo Successivo

Palestre, centri sportivi e piscine riaprono dopo il lockdown. In Lombardia chiuse fino al 31 maggio, rinvio anche in Basilicata e a Bologna

next