Cerco la donna dei miei sogni, il mio amore”. Il necrofilo romano colpisce ancora. Questa volta a farne le spese sono stati i resti di Elena Aubry, la ragazza di 25 anni morta il 6 maggio del 2018 in un incidente di moto sull’Ostiense. Come ha riportato Il Messaggero il ladro dell’urna dove riposano le ceneri della ragazza defunta è lo stesso di un episodio avvenuto 10 anni fa. Il 49enne necrofilo residente a Casal Bertone venne arrestato dai carabinieri di San Lorenzo perché sorpreso a staccare con il cacciavite le foto di belle donne coi capelli lunghi e scuri dalle lapidi del cimitero del Verano. All’epoca dichiarò: “Cerco la donna dei miei sogni, il mio amore”.

Alcuni giorni fa l’uomo è nuovamente stato fermato dalle forze dell’ordine nei pressi del cimitero del Verano senza saper rispondere sul perché si trovasse lì. La pm Laura Condemi aveva così ordinato il suo pedinamento. Azione investigativa che ha portato al ritrovamento delle ceneri e al fermo dell’uomo. “Mi chiedo perché dopo essere stato nuovamente sorpreso sia stato indagato e lasciato a piede libero – ha dichiarato Graziella Viviano, la madre della Aubry. “Se allora si limitava ad impossessarsi delle immagini di queste ragazze, adesso dimostra di aver fatto un salto di qualità rubando addirittura le ceneri. E se decidesse di procurarsele in altro modo le ceneri di donne? È una persona pericolosa e deve stare in galera”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Raoul Bova a Luca Palamara: “Ti prego di indagare su questa sentenza”. Poi uno scambio sui giornalisti: “Non si smentiscono mai”, “Una piaga”

next
Articolo Successivo

Linus e Jerry Calà contro i “vitelloni”: “La movida? Macché ragazzini, le mine vaganti sono i 35-40enni con spritz e mascherina calata”

next