Abusava sessualmente di una bambina in età prescolare dopo averla drogata, filmava tutto e vendeva i video sul web. Un trentenne di Como, è stato arrestato dalla polizia postale di Milano con l’accusa di violenza sessuale aggravata, detenzione e produzione di materiale pedopornografico. Lo riporta il Giorno.

È stato un utente del “deep web” a segnalare alla polizia la presenza di un italiano che stava cercando di vendere video pedopornografici. Taroni, infatti, non aveva coperto le sue tracce, per cui attraverso l’indirizzo Ip del suo computer gli agenti sono risaliti al comasco. Da quanto si apprende, il trentenne era riuscito più volte a rimanere da solo con la bambina: durante questi incontri la drogava con un sedativo, anche quello acquistato sul deep web, e la violentava riprendendo il tutto con la telecamera.

La polizia ha trovato sul computer dell’indagato duemila fotografie e circa trecento video filmati pornografici con minori. L’arresto è stato convalidato a Como, ma l’inchiesta è passata alla Direzione distrettuale antimafia di Milano per la presenza del materiale pedopornografico.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, caso Gregoretti – Slitta ancora l’udienza preliminare per Matteo Salvini imputato per sequestro di persona a Catania

next
Articolo Successivo

Agguato a Ostia, per Dda fu regolamento di conti fra cognati dei boss Spada e Senese: tre arresti. La lite e poi la minaccia: “Se rivedemo”

next