La procedura per richiedere il reddito di emergenza – previsto dal decreto Rilancio – è disponibile online sul sito dell’Inps. Lo ha annunciato su Twitter la ministra del Lavoro, Nunzia Catalfo, che poche ore dopo ha aggiunto: “Da questa mattina sono arrivate circa 20mila domande“. La richiesta, ha spiegato, si può fare “entro il 30 giugno” e si tratta di “un aiuto concreto per 2 milioni di cittadini messi ancor più in difficoltà dal coronavirus e che ora potranno ricevere fra i 400 e gli 800 euro al mese“.

La misura, prevista nel decreto Rilancio è un aiuto per le famiglie in difficoltà che non hanno diritto ad altri sussidi, nemmeno la cassa integrazione. La cifra stanziata però è molto più bassa rispetto ai 3 miliardi che erano stati promessi dalla ministra Nunzia Catalfo: ci sono 959 milioni di euro, che basteranno a spanne per non più di 1,2 milioni di famiglie. I soldi – 400 euro per un single, che saliranno a un massimo di 800 per le famiglie con tre o più figli – saranno versati per due mensilità.

Bonus autonomi e posti di lavoro – Nel corso dello stesso intervento a Radio1, la ministra ha parlato anche del bonus autonomi per il mese di aprile. “Sono stati erogati a oggi, 1,8 milioni di pagamenti ed entro lunedì arriverà la restante parte”, per un totale di 4,6 milioni di persone che hanno già ricevuto l’assegno a marzo e, quindi, sarà erogato in automatico. “Voglio ribadire – ha aggiunto Catalfo – l’impegno del governo per preservare il posto di lavoro di tutti i lavoratori italiani, con uno stanziamento di 26 miliardi di euro, di cui 16 miliardi sulla cassa integrazione”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, le ritorsioni contro chi denuncia irregolarità a lavoro sono un ricatto morale

next
Articolo Successivo

Jabil, vertice al ministero del Lavoro. Catalfo: “Licenziamenti vanno revocati, sono nulli”

next