“La movida in questo momento non solo non è ammissibile né tollerabile ma rischia di essere un focolaio permanente”. Il ministro degli Affari regionali Francesco Boccia ha criticato le immagini della ‘movida ritrovata’ dopo il lockdown. Ai microfoni di Mattino Cinque ha ricordato: “La sicurezza non è un optional, è un obbligo e lo Stato interviene”. Da lunedì infatti bar e ristoranti sono nuovamente aperti al pubblico: da Padova a Palermo si moltiplicano le immagini dei tavolini dei bar affollati e dei gruppi di ragazzi che brindano insieme. Troppo spesso senza rispettare distanze di sicurezza e senza portare le mascherine. “Non è il tempo dei party”, ha detto il premier Giuseppe Conte. E intanto il capo della Polizia Franco Gabrielli chiede alle forze dell’ordine di assicurare “il rispetto dei divieti di assembramento“.

Il Presidente del Consiglio ha ripetuto “che non è il tempo della movida” di nuovo questa mattina, alla Camera dei deputati, richiamando tutti alla responsabilità. Anche e soprattutto i più giovani: il virus è ancora in circolazione e dunque “nessuno pensi che siano saltate le regole di precauzione”. Lunedì anche il ministro della Salute Speranza aveva ricordato che “basta poco per tornare indietro” e vanificare tutti gli sforzi fatti.

Sindaci e governatori sono in allarme: Attilio Fontana, in Lombardia, parla esplicitamente di “nuove chiusure se gli apericena andranno avanti”. Dal suo profilo Instagram si rivolge ai “quattro stupidotti che non rispettano le regole” dicendo che “creare assembramenti intorno a uno spritz, però, non è buon senso. Incontrare gli amici, mantenendo il giusto distanziamento e con la mascherina lo è”. Anche il governatore dell’Emilia Romagna Stefano Bonaccini richiama “chi esce a divertirsi” al rispetto delle regole perché “proprio perché ci giochiamo tanto, se non tutto, in queste settimane”. Luca Zaia, in Veneto, ha annunciato uno spot con le ‘regole’ per l’happy hour in sicurezza. Secondo il sindaco di Napoli Luigi De Magistris serve “un grande senso di responsabilità da parte di tutti” e il suo omologo di Bari, Antonio Decaro, lancia una proposta ai gestori dei locali: “Mettete a disposizione dei clienti, insieme al cocktail, anche la mascherina“.

Continuano, rafforzati, anche i controlli delle forze dell’ordine. In una circolare inviata ai questori di tutta Italia, il capo della Polizia Franco Gabrielli il “massimo impegno” nel controllo del territorio. Per contrastare la criminalità, ma anche per assicurare “il rispetto del divieto di assembramento”. Saranno poi i tavoli tecnici delle singole questure a “individuare e impartire” le disposizioni necessarie al personale per l’intensificazione dei controlli. “Alla luce del graduale riavvio delle attività economiche e di un progressivo riassetto della vita sociale – scrive il capo della Polizia – si richiama l’attenzione” dei questori per assicurare “il rispetto del divieto di assembramenti e di aggregazioni di persone e l’osservanza delle misure del distanziamento sociale“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Plasma iperimmune: il ruolo di Kedrion, la società della famiglia del senatore Marcucci (Pd). L’azienda: “Nessun conflitto d’interessi”

next
Articolo Successivo

Fase 2, l’Emilia Romagna anticipa la riapertura delle spiagge al 23 maggio. Ecco le linee guida

next