In Ungheria i cittadini transgender e intersessuali non potranno modificare i documenti di identità cambiando il nome o la propria identità di genere. Il parlamento, per due terzi controllato dal leader ultraconservatore Viktor Orban, ha approvato un emendamento legislativo che definisce il genere come “sesso biologico basato sulla nascita e sul genoma”. In altre parole, obbliga a mantenere sui documenti il genere con cui si viene registrati alla nascita, anche se nel frattempo si è assunta una nuova identità, che non verrà riconosciuta giuridicamente, vietando la registrazione del cambiamento di sesso nello stato civile.

Il provvedimento – che si inserisce nella politica di ripristino dei valori tradizionali portata avanti da Orban – è stata approvata con 133 voti della coalizione di governo guidata dal premier. Ci sono stati 57 voti contrari e quattro astensioni. Diverse preoccupazioni sono state sollevate dal Parlamento europeo, dall’Alto commissariato Onu dei diritti umani, dal Consiglio d’Europa e dalla Società psicologica ungherese. Già lo scorso mese l’Ue aveva chiesto a Orban di riferire sui ‘pieni poteri’ (ottenute per il contrasto all’emergenza coronavirus) e sulle misure messe in atto che ‘devono essere in linea con lo Stato di diritto‘. Ma Orban aveva declinato l’invito di David Sassoli all’Eurocamera. Ieri, con l’approvazione dell’emendamento, si è aperto un nuovo fronte di tensione. “È scandaloso che il Parlamento abbia deciso di adottare questa odiosa legge in contrasto con le preoccupazioni sollevate da decine di organizzazioni – ha affermato Tamas Dombos, membro del Consiglio di amministrazione dell’Alleanza ungherese Lgbt – Utilizzeremo ogni via legale per contestare questa legge nei tribunali ungheresi e internazionali”.

Amnesty International – Anche Amnesty International esprime preoccupazione: “Questo voto spinge l’Ungheria indietro verso tempi bui e sopprime i diritti delle persone transgender e intersessuate, che dovranno subire non solo ulteriori discriminazione ma anche le conseguenze di un clima ancora più intollerante e ostile verso la comunità Lgbti”. “Ogni persona ha diritto al riconoscimento giuridico dell’identità di genere e deve poter cambiare il suo nome e i riferimenti al genere su tutti i documenti ufficiali”, aggiunge la ricercatrice di Amnesty sull’Ungheria, Krisztina Tamas-Saroy.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lavoratori stranieri, giovedì 21 maggio sciopero dei braccianti contro il dl Rilancio. Il sindacalista Soumahoro: ‘Non comprate frutta e verdura’

next
Articolo Successivo

Decreto Rilancio, gli aiuti per i disabili: 90 milioni al Fondo per le non autosufficienze e 40 per mettere in sicurezza i centri. Le associazioni: ‘Insoddisfatti. Ignorati su pensioni invalidità e assistenza domiciliare’

next