Dopo bombe, tumori e malaria, si pensa di ricorrere al fiuto dei cani anche per scovare il coronavirus. La Gran Bretagna ha dato il via alla sperimentazione per capire se questo sarà possibile: l’obiettivo è vedere se i cani, già addestrati per fiutare determinati tumori e la malaria, possano essere utilizzati come “misura di allarme precoce non invasiva” e siano quindi in grado di fiutare il Covid-19 sugli umani, prima che le persone mostrino i sintomi.

I ricercatori della London School of Hygiene Tropical Medicine e della Durham University stanno collaborando con l’ente benefico Medical Detection Dogs: il governo di Londra finanzierà il progetto con 500mila sterline. Sono sei i cani al momento utilizzati per la sperimentazione, tra cui Labrador e Cocker Spaniel, che hanno già iniziato l’addestramento di base per il processo. Nella fase iniziale, i ricercatori hanno in programma di raccogliere campioni di odori sia dalle persone infette che da quelle sane. Il dipartimento della salute ha spiegato che i cani saranno sottoposti a un addestramento completo usando i campioni e saranno effettivamente utilizzati solo se ci sarà sostegno di forti prove scientifiche.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Oms: “Serve accesso equo al vaccino per garantire fine della pandemia”. E lancia appello ai leader: “È il momento di unirsi”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, “sapete perché gli Stati Uniti sono primi al mondo per contagi?”: la spiegazione di Donal Trump diventa virale

next