Dopo bombe, tumori e malaria, si pensa di ricorrere al fiuto dei cani anche per scovare il coronavirus. La Gran Bretagna ha dato il via alla sperimentazione per capire se questo sarà possibile: l’obiettivo è vedere se i cani, già addestrati per fiutare determinati tumori e la malaria, possano essere utilizzati come “misura di allarme precoce non invasiva” e siano quindi in grado di fiutare il Covid-19 sugli umani, prima che le persone mostrino i sintomi.

I ricercatori della London School of Hygiene Tropical Medicine e della Durham University stanno collaborando con l’ente benefico Medical Detection Dogs: il governo di Londra finanzierà il progetto con 500mila sterline. Sono sei i cani al momento utilizzati per la sperimentazione, tra cui Labrador e Cocker Spaniel, che hanno già iniziato l’addestramento di base per il processo. Nella fase iniziale, i ricercatori hanno in programma di raccogliere campioni di odori sia dalle persone infette che da quelle sane. Il dipartimento della salute ha spiegato che i cani saranno sottoposti a un addestramento completo usando i campioni e saranno effettivamente utilizzati solo se ci sarà sostegno di forti prove scientifiche.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Oms: “Serve accesso equo al vaccino per garantire fine della pandemia”. E lancia appello ai leader: “È il momento di unirsi”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, “sapete perché gli Stati Uniti sono primi al mondo per contagi?”: la spiegazione di Donal Trump diventa virale

next