Tutti insieme, senza distinzione di fede, uniti nella preghiera. Papa Francesco ha invitato i credenti di tutte le religioni a pregare domani, 14 maggio, e “chiedere a Dio la pace per il mondo, la fine della pandemia, lo spirito di penitenza e la nostra conversione”. La richiesta è avvenuta all’udienza generale, trasmessa in streaming dalla Biblioteca del Palazzo apostolico, a Roma.

“La preghiera è il modo per comunicare e ascoltare Dio – ha sottolineato il Papa – e con questo spirito ho accolto l’invito dell’Alto comitato per la fratellanza umana per dedicare la giornata di domani, 14 maggio, alla preghiera, al digiuno e alle opere di carità. Uniamoci come fratelli per chiedere al Signore di salvare il mondo dalla pandemia“. La preghiera appartiene a tutti, ha ricordato Papa Francesco, “agli uomini di ogni religione, e probabilmente anche a quelli che non ne professano alcuna”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Parco dell’Etna, Musumeci conferma Carlo Caputo alla presidenza: ma risultava assente in oltre le metà delle riunioni del Consiglio

next
Articolo Successivo

Coronavirus, bisogna capire cos’è successo davvero nelle Rsa per la sanità del futuro

next