Ci sarebbero motivi personali alla base dell’assassinio di A.B. ragazzo di 35 anni raggiunto da alcuni colpi di arma da fuoco nel pomeriggio di mercoledì nella sua abitazione di Ciampino, alle porte di Roma. Sparatoria durante la quale è rimasto ferito anche di S. I., 36 anni, ricoverato in fin di vita all’ospedale Sant’Eugenio di Roma. Gli investigatori in serata hanno fermato una guardia giurata, loro coetanea, che conosceva entrambe le persone coinvolte nella sparatoria e che potrebbe essere coinvolto nel delitto.

Ad indagare sono i carabinieri della compagnia di Castel Gandolfo, diretti dal maggiore Emanuele Tamorri, che indaga sul caso. I carabinieri non hanno trovato segni di effrazione, segno che l’incontro era organizzato o comunque la terza persona, presumibilmente il killer, non ha fatto irruzione ma si trovava già nell’abitazione. L’omicida ha prima freddato il 24enne, poi avrebbe inseguito il 35enne per le scale lasciandolo a terra ferito, in cortile, prima di darsi alla fuga a sua volta.

I carabinieri hanno anche sentito i vicini di casa del ragazzo che però hanno dichiarato agli inquirenti di non aver sentito nulla. Il fermato attende l’interrogatorio nella mattinata di giovedì alla presenza del pm di turno della Procura di Velletri, che ha aperto il fascicolo. Nel condominio di via Cagliari 1, nello stesso stabile di edilizia pubblica residenziale ad aprile c’era già stato un omicidio. In quella occasione un 48enne aveva accoltellato a morte il fratello.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Como, esplosione in una villetta: muore un 21enne. Aveva allestito un laboratorio chimico in cantina

next
Articolo Successivo

Caltanissetta, 67enne uccide la moglie con un tagliacarte e si costituisce: “Sono stato io”

next