Chiedono le dimissioni del guardasigilli, vogliono che l’intero governo vada in Parlamento a spiegare, definiscono “gravi” le accuse al ministro e vorrebbero fosserro addirittura sollevate “nelle sedi opportune”. Il primo giorno della cosiddetta Fase due della lotta al coronavirus si fa segnalare per un fatto inedito che però nulla ha a che fare con l’epidemia: tutto il centrodestra si schiera compatto a difesa del più noto magistrato antimafia del Paese. Persino Forza Italia che in passato ha parecchio polemizzato con lo stesso pubblico ministero, arrivando più volte a insultarlo. Tutto pur di avere l’occasione di attaccare il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede. Anche usare le parole di Nino Di Matteo, l’ex pm della procura di Palermo ora consigliere del Csm, che i berlusconiani definivano “mitomane” non più tardi di sei mesi fa. D’altra parte Di Matteo è il magistrato che ha indagato sulla Trattativa Stato-mafia, che ha ottenuto la condanna di Marcello Dell’Utri a 12 anni di carcere, che ha spesso ricordato pubblicamente come Forza Italia sia stata fondata da un uomo che la Cassazione ha riconosciuto colpevole di concorso esterno a Cosa nostra.

L’assist per il centrodestra – La vicenda che fa da assist al centrodestra, con i berlusconiani tornati a guidare la coalizione almeno nella guerra di comunicati stampa, è quella che si consuma nello studio di Non è l’Arena su La7. In studio si discute di carceri, e si evoca la nomina di Di Matteo a capo del Dipartimento amministrazione penitenziaria nel giugno del 2018, poi mai concretizzatasi. Il consigliere del Csm chiama in diretta per raccontare che nel 2018 il ministro gli aveva effettivamente offerto di dirigere il Dap. Alcuni giorni prima era iniziata a circolare la relazione con le reazioni rabbiose esternate dai boss mafiosi al 41bis sull’ipotesi di Di Matteo al capo del Dap. Quell’offerta sarebbe poi venuta meno. “Andai a trovare il ministro – è la ricostruzione di Di Matteo – dicendo che avevo deciso di accettare l’incarico al Dap, ma improvvisamente mi disse che ci aveva ripensato e nel frattempo avevano deciso di nominare il dottor Basentini. Mi chiese di accettare il posto di direttore generale del ministero, ma il giorno dopo gli dissi di non contare su di me”. Sempre in diretta ecco la replica di Bonafede: Non sono uno stupido sapevo chi è Di Matteo, sapevo chi stavo per scegliere, e tra l’altro l’altro quella intercettazione era già stata pubblicata sul Fatto Quotidiano e sono intercettazioni di cui il ministro dispone perché le fa la polizia penitenziaria. Il fatto che il giorno dopo avrei ritrattato quella proposta in virtù di non so quale paura sopravvenuta non sta né in cielo né in terra. E’ una percezione del dottor Di Matteo”.

Gelmini: da “supposizioni infamanti” a “gravissime accuse” – È su questo botta e risposta che il centrodestra tutto si è trovato unito vicino al magistrato ed è andato all’attacco del Guardasigilli. “Riassumendo: prima Bonafede permette che diversi boss escano dal carcere. Poi Di Matteo dichiara di non essere stato nominato a capo del Dap per le pressioni della mafia e i 5s non ne chiedono le dimissioni? Il Governo deve riferire in Aula e dare spiegazioni agli italiani”, twitta Gabriella Giammanco, vicepresidente del partito azzurro al Senato. “Dopo le parole di Nino Di Matteo da Giletti a Non è l’arena, Alfonso Bonafede venga immediatamente in Parlamento. Le gravissime accuse del pm non possono cadere nel vuoto: o Di Matteo lascia la magistratura o Bonafede lascia il Ministero della Giustizia”, scrive sempre sui social Mariastella Gelmini, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati. La stessa che il 3 novembre scorso definiva quelle di Di Matteo “le solite farneticanti teorie“, “ancora una volta ridicole accuse“, “supposizioni infamanti” “illazioni inaccettabili e insultanti“. Quel giorno il magistrato aveva ricordato in diretta televisiva su Rai3 il patto tra le famiglie mafiose e Silvio Berlusconi, durato almeno fino al 1992 e al centro di una sentenza definitiva della Cassazione che ha condannato il braccio destro del Cavaliere e fondatore di Forza Italia per concorso esterno in associazione mafiosa.

Mulè: da anarchia informativa a censura preventiva – Un intervento inattaccabile dal punto di vista giuridico. E forse proprio per questo aveva fatto finire l’ex pm nel mirino dei berlusconiani. “Contro l’ex Cavaliere un vaniloquio da mitomane“, aveva detto il deputato Fi e membro della Vigilanza Rai Andrea Ruggieri. “Vergognosa propaganda senza contraddittorio”, erano le accuse di Maurizio Gasparri. Per la senatrice azzurra Alessandra Gallone, si trattava “ad accuse infondate” e a una “delle più brutte pagine” della Rai. Per Giorgio Mulè eravamo addirittura “all’anarchia informativa“. Dopo le parole di Di Matteo su Bonafede cosa avrà detto il portavoce dei gruppi parlamentari berlusconiani? Mule se la prende di nuovo con la Rai per i motivi completamente opposti a quelli di novembre. Sei mesi fa era anarchia informativa far parlare un pm di processi e sentenze, oggi “lascia basiti che il Tg1 non abbia dato alcuno spazio allo scontro avvenuto in diretta tv tra il pubblico ministero e componente del Csm e il ministro della Giustizia”. Di più: “È che si sia totalmente taciuta la notizia. Oramai siamo alla censura preventiva pur di compiacere e non disturbare il governo, un comportamento indegno per chi ha il dovere di informare: il Tg1 ha definitivamente tradito la missione di servizio pubblico”. Insomma: seguendo la logica di Mulè censurare Di Matteo è giusto quando parla di Berlusconi e Dell’Utri, sbagliato quando invece cita Bonafede.

Zanettin, che voleva Di Matteo punito da Bonafede – Un altro deputato berlusconiano, Pierantonio Zanettin, nel settembre scorso aveva presentato un’interrogazione parlamentare al ministro della Giustizia per chiedere di valutare l’apertura di azioni disciplinari nei confronti del pm antimafia. Adesso riesce in una piroetta completa: prende spunto dallo scontro con Di Matteo per attaccare Bonafede: “Il ministro dimostra ancora una volta la propria inadeguatezza, o ha mentito o ha dimostrato in diretta televisiva di non conoscere l’organizzazione del ministro della Giustizia”. Tra i grandi sostenitori del pm palermitanno anche Giorgia Meloni. “Ai disastri si aggiungono ombre sul comportamento del guardasigilli. Fossi Alfonso Bonafede domani mattina rassegnerei le mie dimissioni di ministro della Giustizia”, dice la leader di Fratelli d’Italia, nota estimatrice della figura di Paolo Borsellino. Nel 2008, però, quand’era ministro del governo Berlusconi, non si smarcò dalla sequela d’insulti lanciati quotidianamente da esponenti del Pdl nei confronti della procura di Palermo. Erano talmente tanti che alcuni pm definirono “pericolosa la violenza verbale usata nei confronti della magistratura”. “Non credo che il problema della lotta allla mafia sia legato alla veemenza verbale nei confronti della magistratura“, disse una giovane Meloni. Per inciso, all’epoca, tra i pm di Palermo quotidianamente sotto attacco c’era anche Di Matteo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Sanità Umbria, chiusa l’inchiesta: c’è anche ex presidente Catiuscia Marini. Pm di Perugia: “Rete condizionava concorsi”

next