Riaprono le cucine dei ristoranti del centro storico di Palermo, ma solo per un giorno. Nella giornata del 1 maggio, la festa dei lavoratori, i ristoranti che parteciperanno allo “Sciopero alla rovescia” cucineranno 2mila piatti che più di 50 volontari distribuiranno alle famiglie in difficoltà nel centro della città.

Mentre al nord alcune fabbriche ripartono, i motori principali dell’economia del meridione, il turismo e la ristorazione, continuano a rimanere chiusi nell’incertezza di come riusciranno a tornare al lavoro. I ristoratori palermitani, però, hanno deciso di reagire promuovendo lo “Sciopero alla Rovescia”. Il primo a organizzare questo tipo di protesta non violenta fu Danilo Dolci nel 1956 a Partinico, in provincia di Palermo: “Credo che uno sciopero debba essere sempre, oltre che scienza, un’opera d’arte” lo “sciopero alla rovescia”. L’obiettivo di allora è lo stesso di oggi, ovvero rivendicare il diritto al lavoro dei tanti operai inoccupati. Così, fermi dal Covid, i ristoratori protesteranno preparando 2mila pasti per le famiglie più in difficoltà per far sentire la propria e reclamare le necessarie e urgenti soluzioni che il governo nazionale deve mettere in atto per garantire una giusta ripartenza.

L’iniziativa è organizzata dalla Prima Circoscrizione, da Sos Ballarò e da Kala Onlus in collaborazione con Kalsa Solidale e Ubuntu. Un contributo di 2mila euro è stato ricavato dalla raccolta fondi “Un banco del sorriso a Ballarò“, la campagna lanciata subito dopo il lockdown per avviare azioni di supporto alimentare alle famiglie in difficoltà. Le attività commerciali fin qui coinvolte sono: Fabrica 102, Moltivolti, Ballarak, Santamarina, Il Vicolo, Balata, Bisso Bistrot, Le Freschette Biobistrot, Porta Sant’Agata, Quattro Mani, Osteria Mangia e Bevi, Cotti in Fragranza.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Trucco (Politecnico di Milano): “Trasporto pubblico in grado di reggere se si mantiene il 40% di lavoratori in smartworking”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, vescovi ricuciono lo strappo col governo. Segretario generale della Cei: “Leale collaborazione, salute è interesse primario”

next