Parte il numero verde di supporto psicologico del ministero della Salute e della Protezione Civile. Tutti i giorni, chiamando il 800.833.833 o contattando online, dalle 8 alle 24, più di 2mila professionisti specializzati risponderanno alle richieste di aiuto. “Il servizio sarà sicuro e gratuito”, spiega il ministero. Il numero, sarà raggiungibile anche dall’estero al 02.20228733 e saranno previste modalità di accesso anche per i non udenti.

L’emergenza coronavirus sta mettendo a dura prova la tenuta psicologica delle persone alle prese con una situazione inedita, per questo è nato il “bisogno di affiancare, in questa fase di isolamento sociale, tutti i servizi di assistenza psicologica garantiti dal Sistema Sanitario Nazionale“, ha sottolineato Tim che ha fornito il supporto tecnologico gratuitamente del numero verde.

Il servizio è organizzato su due livelli di intervento. Il primo livello è di ascolto telefonico e si propone di rispondere al disagio derivante dal Covid-19, rassicurare e dare suggerimenti, aiutare ad attenuare l’ansia in un momento in cui quotidianità è stata stravolta dall’arrivo dell’epidemia. Ma il servizio punta anche ad essere usufruito più volte e con continuità, per un ascolto più approfondito e prolungato nel tempo: in quel caso le chiamate saranno indirizzate, oltre ai servizi sanitari e sociosanitari, anche a società scientifiche in ambito psicologiche e saranno distinte in base alle loro specificità: ad esempio, psicologia dell’infanzia e dell’adolescenza, dipendenze, psico-oncologia. In questo caso i professionisti offriranno colloqui di sostegno, ripetuti fino a 4 volte, via telefono oppure online.

“È una risposta strutturata e importante messa in atto accanto a tutti gli sforzi della sanità italiana per fronteggiare al meglio la sfida dell’epidemia – ha detto il ministro della Salute, Roberto Speranza – In questo momento è fondamentale essere vicini alle persone che hanno bisogno di un sostegno emotivo, dare ascolto alle loro fragilità, affrontare insieme le paure”.

“Ancora una volta i volontari della Protezione civile hanno messo a servizio del Paese la loro grande passione e professionalità – ha aggiunto Angelo Borrelli, Capo dipartimento della Protezione civile – Il volontariato è uno dei pilastri su cui da sempre si fonda il nostro Servizio Nazionale. Nel corso degli anni il Dipartimento ha puntato molto sulla formazione e siamo orgogliosi di poter contare sul lavoro di oltre 800mila uomini e donne preparate a fronteggiare sfide diverse e sempre impegnative”.

Memoriale Coronavirus

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cannabis, la campagna di “disobbedienza civile” #IoColtivo: “Il paradosso? Fumare non è reato, ma si rischia il carcere se si coltiva”

next
Articolo Successivo

Ponte Morandi, martedì il varo dell’ultima campata (con quattro mesi di ritardo). Salini: “Prima dell’estate ci si potrà passare sopra”

next