Dopo le polemiche e gli scetticismi degli esperti, il governo francese ha svelato il piano per il rientro a scuola. La data per iniziare lentamente a far tornare gli alunni sui banchi di scuola è la stessa che il presidente Emmanuel Macron aveva annunciato la settimana scorsa: l’11 maggio. Ma, come precisato oggi dal ministro dell’Educazione Jean-Michel Blanquer, l’inizio sarà scaglionato per evitare gli assembramenti. L’intenzione però, è quella di far rientrare tutti entro il 25 maggio prossimo.

Parlando alla commissione affari culturali e scuola dell’Assemblea nazionale, Blanquer ha parlato di un “rientro graduale” e ha specificato che le lezioni dovrebbero svolgersi, almeno inizialmente, con la presenza fisica di “piccoli gruppi” di massimo 15 bambini. Si tratta – ha ammesso Blanquer – di “elementi ancora da definire”. La prima settimana – fino al 18 – vedrà comunque il rientro in classe delle 5 classi delle elementari, mentre dal 18 toccherà ad alcune classi della scuola media e del liceo. Dal 25 – in teoria – tutti potrebbero essere di nuovo a lezione, con un’alternanza tra presenza fisica in aula, insegnamento a distanza ed attività fisica all’esterno. Tutte le famiglie potranno decidere di non mandare a scuola i ragazzi se lo riterranno più opportuno, a patto che seguano le lezioni on line.

Dopo l’annuncio fatto da Macron alla nazione solo la settimana scorsa, l’ipotesi di un rientro in classe previsto per l’11 maggio aveva lasciato perplessi esperti e mondo della scuola. I primi ad esporsi erano stati gli stessi esponenti della Federazione dei medici francese, parlando di “rischio inutile”. Mentre gli insegnanti e le opposizioni avevano contestato l’assenza di un piano preciso. Anche per questo il ministro dell’Istruzione è stato chiamato a riferire davanti all’Assemblea nazionale.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, negli Usa 43mila morti e 800mila casi. Contagio di massa in un carcere dell’Ohio: 2mila positivi. Nuovo picco di vittime in Uk: 823 in 24 ore, oltre 17mila in tutto. Grecia, focolaio in centro per migranti

next
Articolo Successivo

Coronavirus, in Iran sui mezzi pubblici si viaggia a distanza di sicurezza: le immagini

next