Nelle case di riposo lombarde, in totale, sono stati contagiati 7.252 ospiti: è la stima elaborata dalla Regione Lombardia in base ai dati raccolti dall’esito dei tamponi nelle rsa, aggiornati a sabato scorso. La provincia che ha più anziani infettati è quella di Milano, con 2.273 ricoverati colpiti dal Covid-19. In tutta la provincia il totale dei positivi è di 15.546: quasi uno su sette, quindi, è ospite di una residenza per anziani. Seguono Brescia con 1.161, Mantova con 805, Como con 581, Cremona con 532, Monza e Brianza con 528. Poi Pavia con 401, Varese con 305, Lodi con 178, Bergamo con 173. Chiudono la lista Sondrio (con 158 contagiati) e infine Lecco con un di meno: 157.

A queste cifre però va aggiunto il numero dei deceduti: secondo i dati diffusi dall’Iss, nelle 266 case di riposo prese in esame, sono stati 1.625 i decessi per coronavirus o sintomi influenzali riconducibili a Covid-19 (ma non verificati da tampone). L’indagine della Regione analizza anche il rapporto tra numero di contagiati e popolazione: la provincia in cui il virus sembra essere entrato con più forza nelle strutture è Mantova, con il 28,12% dei casi positivi concentrato nelle case di riposo. Seguono Como con il 23,8%, Sondrio con 16,8% e Milano con il 14,4%. A Cremona i 532 casi positivi nelle residenze per anziani sono il 9,8% del totale dei casi registrato sul territorio. Ultima nella graduatoria è Bergamo, con l’1,63%: in una delle città più colpite dalla pandemia, quindi, l’impatto all’interno delle rsa è stato molto contenuto.

In particolare, a Cremona i contagiati sono 532 su 5.104, ossia il 10,4% degli ospiti. “Sono numeri che dimostrano come le case di riposo della provincia di Cremona siano riuscite a fare fronte ad un’emergenza alla quale non erano preparate e alla quale neanche dovevano essere preparate, essendo strutture di assistenza e non di cura – è il commento di Walter Montini, presidente dell’Associazione delle Residenze Socio-Sanitarie della provincia di Cremona, che raggruppa 30 strutture sul territorio -. Ma per capire esattamente l’impatto dell’epidemia sulla mortalità nelle nostre strutture occorrerebbe confrontare i decessi dell’anno scorso e quelli di quest’anno. Un confronto che per il momento non siamo in grado di fare. Quel che è certo è che abbiamo chiuso e isolato i nostri anziani a partire dal 22 febbraio, anche se la Regione continuava a voler far entrare un familiare alla volta e ci chiedeva di tenere aperti i Centri diurni. Noi abbiamo disobbedito e siamo stati lungimiranti. Certo, il virus è entrato lo stesso, ma siamo riusciti ad isolare efficacemente chi presentava qualche linea di febbre e a sanificare gli ambienti. Questo meccanismo ci ha consentito di contenere la strage”.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, buste di plastica per dividere il reparto Covid nell’ospedale di Asti: il servizio sulla sanità in Piemonte di Report

next
Articolo Successivo

Coronavirus, a Napoli nessun nuovo contagio in 24 ore. Zero vittime da quattro giorni di fila

next