Stava facendo jogging, senza mascherina, portando al guinzaglio il proprio cagnolino. Prima è stato offeso, poi picchiato selvaggiamente da due uomini che hanno anche chiesto l’intervento dei carabinieri perché lo multassero. Così un un ingegnere cinquantenne di Albignasego, in provincia di Padova, è finito al pronto soccorso per frattura del naso e dell’orbita destra, con contusioni al tronco e agli arti (la prognosi è di 30 giorni), mentre tutti e tre sono stati identificati. Sul caso è intervenuto anche il governatore del Veneto Luca Zaia che, pur specificando che “la caccia all’untore è deplorevole e da condannare” aggiunge che “è deplorevole chi esce senza mascherina. Non giustifico gli aggressori – ha precisato -, ma sposto il punto di osservazione: a prescindere da quello che è accaduto, c’è una persona che esce senza mascherina e non ha coscienza che mette a repentaglio non solo la sua salute ma anche quella degli altri. E quel signore che stamattina ho visto fare jogging senza mascherina, è un irresponsabile. Se mi sente sappia che mi riferisco a lui”.

L’aggressione – Intervistato dal Mattino di Padova, il professionista ha dichiarato: “Sono sconvolto… Credevo di vivere in un quartiere tranquillo e scopro che, d’improvviso, si può scatenare una violenza e ferocia inaudite e inspiegabili”. Era uscito per fare una corsa. “Ero in tenuta sportiva, avevo una felpa intorno al collo pronto ad alzarla sul viso se avessi incrociato qualcuno. In linea d’aria ero a un centinaio di metri da casa. Non c’era anima viva, ero solo con il mio cagnolino”.

Sfortuna ha voluto che dall’altra parte della strada stessero camminando due uomini, padre e figlio, il primo di circa 55 anni anni, il secondo di 25. Sono volate le prime parole. “Hanno cominciato a urlare contro di me volgari insulti di ogni genere, poi sono arrivati alle minacce ‘te copo’ e ‘vien qua che te dago’”. In dialetto veneto: ti ammazzo, vieni qui che te le suono. L’ingegnere si è fermato e ha fatto per avvicinarsi ai due, mantenendo però la distanza di sicurezza. “Come vi permettete?”. Ha fatto notare loro che non indossavano i guanti e si è accorto che il più giovane non aveva la mascherina. In un attimo è stato aggredito. Lo hanno fatto cadere a terra. “Sono caduto sull’asfalto. Il padre, sopra la mia schiena, mi teneva a terra facendo pressione con le ginocchia e i gomiti mentre il ragazzo ha cominciato a prendermi a pugni sul viso e in testa. Cercavo di divincolarmi, ma loro continuavano…”. Un vero pestaggio durato un quarto d’ora, secondo il racconto del professionista, il cui viso si è coperto di sangue. E’ stato bloccato e i due con il cellulare hanno chiamato i carabinieri. “Lo dovete multare, correva senza mascherina….” hanno gridato.

I carabinieri hanno chiamato il 118 e proceduto all’identificazione. Ma in ambulanza è salito il ragazzo, per un attacco d’asma. L’ingegnere è andato a casa ed è stato accompagnato dalla moglie al pronto soccorso dove è rimasto fino a notte inoltrata, per radiografie, visite e tac. Ma dovrà essere esaminato anche da un chirurgo maxillo-facciale. Commento della vittima: “È un brutto clima da caccia alle streghe e all’untore”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, uccide la compagna con un colpo di fucile alla testa. “Convivenza forzata, la vittima lo aveva ospitato in casa per la quarantena”

next