L’emergenza sanitaria per il Coronavirus ha acceso, come immaginabile, i talk show della tv generalista e ha riportato alcuni politici in programmi che avevano smesso di frequentare. E’ il caso di Matteo Renzi che è tornato ieri sera come ospite a Cartabianca, l’ex premier aveva partecipato l’ultima volta alla trasmissione di Rai3 addirittura tre anni fa. Cosa che Bianca Berlinguer gli ha ricordato prima del faccia a faccia a distanza: “Dobbiamo dire che lei non veniva a Cartabianca, pensate, da tre anni”, a cui il leader di Italia Viva ha risposto con un sorriso e cercando di sorvolare: “Non ci avevo fatto caso“.

La padrona di casa però ha continuato: “Lei no ma io sì. Ha avuto troppi impegni. E’ una mia curiosità personale, come mai improvvisamente viene? Le siamo diventati più simpatici?”. Renzi non è entrato nel merito: “Questo glielo dico alla fine dell’intervista, intanto se mi alzate un po’ il volume vi sento meglio.” E a fine intervista la Berlinguer prima di salutarlo ha aggiunto nuovamente: “Speriamo di non rivederla tra tre anni”, la replica del senatore fiorentino questa volta è arrivata con tono differente: “Speriamo soprattutto che non ci sia una pandemia, noi possiamo pure rivederci tra tre anni, ma che non sia la pandemia a farci rincontrare”.

L’uscita di Bianca Berlinguer dal Tg3 nel 2016, con Matteo Renzi ancora a Palazzo Chigi, aveva suscitato numerose polemiche. Come segnalato però dal sito Tvblog se è vero che l’ex premier ha disertato spesso la trasmissione di Rai3 non partecipava dal 2018, precisamente l’8 febbraio e il 1 marzo, prima delle elezioni politiche. La puntata è stata vista da 1.470.000 telespettatori con il 5,4% di share, superando Rete 4 e Fuori dal coro (1.247.000 e il 5%) ma non DiMartedì visto su La7 da 1.828.000 con il 6,6% di share.

Già il 26 marzo Matteo Salvini aveva rotto gli indugi accettando l’invito del “nemico” Corrado Formigli a Piazzapulita. Il giornalista, anche in questo caso, ne aveva chiesto conto: “Senatore non è venuto per tre anni da noi, ci vuole dire perché? . Il leader della Lega aveva replicato così: “Oggi sono venuto perché in un momento eccezionale è mio dovere spiegare cosa stiamo facendo per gli italiani, a mio giudizio non è esattamente la trasmissione campionessa di obiettività e di imparzialità. Questo è il mio modestissimo giudizio.”

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Pechino Express, le pagelle della semifinale. Dialogo surreale tra Giusti e Mazzocchi: “Di cosa sapeva il pene di mare Max?”, “Di…”

next