Continua il valzer di annullamenti e rinvii per gli appuntamenti tradizionali dell’auto. Stavolta, dopo lo slittamento del salone di New York ad agosto, tocca a quello di Pechino essere posticipato: avrebbe dovuto svolgersi dal 21 al 30 aprile, ma è stato rimandato a dopo l’estate.
In particolare, il comitato degli organizzatori ha comunicato che la manifestazione si terrà dal 26 settembre al 5 ottobre. In questo modo il salone, insieme proprio a quello di New York, resta l’unica kermesse internazionale dei motori confermata per il 2020. Che, evidentemente, a causa del Coronavirus passerà agli annali come l’annus horribilis delle fiere motoristiche, dopo aver mietuto vittime illustri come Ginevra, Detroit e Parigi. Anche se i costruttori si sono attrezzati, trovando altri modi per presentare i loro modelli, soprattutto con lanci virtuali sul web.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mole Urbana, il quadriciclo elettrico made in Italy arriva entro fine 2020 – FOTO

next
Articolo Successivo

Ferrari, la SF90 Stradale vince il Red Dot Best of the Best Award. E Maranello raccoglie 1 milione di euro per l’emergenza Coronavirus

next