Continua il valzer di annullamenti e rinvii per gli appuntamenti tradizionali dell’auto. Stavolta, dopo lo slittamento del salone di New York ad agosto, tocca a quello di Pechino essere posticipato: avrebbe dovuto svolgersi dal 21 al 30 aprile, ma è stato rimandato a dopo l’estate.
In particolare, il comitato degli organizzatori ha comunicato che la manifestazione si terrà dal 26 settembre al 5 ottobre. In questo modo il salone, insieme proprio a quello di New York, resta l’unica kermesse internazionale dei motori confermata per il 2020. Che, evidentemente, a causa del Coronavirus passerà agli annali come l’annus horribilis delle fiere motoristiche, dopo aver mietuto vittime illustri come Ginevra, Detroit e Parigi. Anche se i costruttori si sono attrezzati, trovando altri modi per presentare i loro modelli, soprattutto con lanci virtuali sul web.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mole Urbana, il quadriciclo elettrico made in Italy arriva entro fine 2020 – FOTO

next
Articolo Successivo

Ferrari, la SF90 Stradale vince il Red Dot Best of the Best Award. E Maranello raccoglie 1 milione di euro per l’emergenza Coronavirus

next