Trova l’immagine scattata nello spazio il giorno del tuo compleanno: con questo gioco diventato virale sui social, la Nasa ha deciso di invitare tutti a celebrare almeno virtualmente i 30 anni del telescopio spaziale Hubble, dal momento che i festeggiamenti veri e propri sono stati rimandati a data da destinarsi a causa della pandemia di Covid-19.

Portato in orbita dallo shuttle il 24 aprile 1990, Hubble ha letteralmente rivoluzionato l’astronomia, regalando ogni giorno immagini mozzafiato e informazioni preziose per i ricercatori. Nonostante gli inizi travagliati, segnati dai difetti del suo specchio principale, Hubble ha poi inanellato un successo dopo l’altro. Le sue scoperte hanno permesso di definire esattamente l’età dell’universo, di ‘vedere’ le prime galassie, di fornire le prime evidenze sull’esistenza dell’energia oscura (che occupa circa il 70% dell’universo) e sui giganteschi buchi neri che occupano il centro di alcune galassie di grandi dimensioni.

Ancora oggi “Hubble esplora l’universo 24 ore al giorno, sette giorni alla settimana”, scrive la Nasa sul suo sito. “Ciò significa che ha osservato affascinanti meraviglie cosmiche ogni giorno dell’anno, incluso il tuo compleanno“. Per scoprire cosa è stato fotografato da Hubble in quel giorno preciso, basta andare sul sito dell’agenzia spaziale statunitense e visitare la pagina dedicata all’iniziativa, dove è possibile inserire la data del prChe foto ha scattato la Nasa il giorno del tuo compleanno? Ecco come scoprirlooprio compleanno. Qualche secondo di attesa ed ecco che il motore di ricerca estrae dell’enorme archivio di Hubble l’immagine corrispondente con tanto di didascalia, che la Nasa invita a condividere sui social usando l’hashtag #Hubble30.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Whatsapp e Instagram rischiano il sovraccarico dei server: il ‘black out’ di del 1 aprile

next