Le fabbriche riaperte prima di Pasqua, le scuole il 4 maggio. La ricetta di Matteo Renzi è quella del “riapriamo” tutto perché “se restiamo chiusi la gente morirà di fame”. Ma se il problema della liquidità delle famiglie è certo e il governo sta studiando come parare il colpo, la soluzione dell’ex premier – illustrata il giorno dopo i quasi 1000 morti in 24 ore in un’intervista ad Avvenire – viene bocciata dagli scienziati, anche con parole durissime. Un’ondata di critiche di fronte alle quali il leader di Italia Viva ha tentato di precisare parlando genericamente di riapertura “ad aprile” e accusando di “non aver letto” l’intervista.

Contattato da Ilfattoquotidiano.it, Roberto Burioni, professore di microbiologia e virologia all’Università San Raffaele di Milano, premette: “Dobbiamo senz’altro cominciare a pensare a una ripresa delle nostre vite: non possiamo pensare che la gente stia in casa pensando di rimanere in casa per sempre”. Ma sottolinea: “Però in questo momento la situazione è ancora talmente grave da rendere irrealistico qualunque progetto di riapertura a breve”. Duro il commento di Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe: “Dalla tragedia di Bergamo non ha imparato proprio nulla”. Mentre l’epidemiologo Pierluigi Lopalco definisce una “follia” l’idea del leader di Italia Viva che rischia di infondere “false aspettative e speranze” nei cittadini. E anche Gianni Rezza dell’Istituto superiore di Sanità ricorda che oggi “non si può dire nulla, non prima della fine del mese”. Contrario anche il virologo Fabrizio Pregliasco: “Pensare di riaprire le scuole è prematuro. È giusto pensare al futuro ma serve molta attenzione”.

“Questo virus ci farà ancora male. Non per settimane, per mesi e mesi. Il vaccino non c’è e se andrà bene torneremo ad abbracciarci tra un anno, se andrà male tra due…”, esordisce Renzi nell’intervista al quotidiano cattolico e invita a non aspettare “che tutto passi” perché “se restiamo chiusi la gente morirà di fame”. Insomma, a suo avviso, con il coronavirus bisogna “convivere” e quindi “consentire che la vita riprenda” e “bisogna consentirlo ora”.

“Sono tre settimane – dice l’ex premier – che l’ Italia è chiusa e c’è gente che non ce la fa più. Non ha più soldi, non ha più da mangiare. I tentacoli dell’usura si stanno allungando minacciosi, specialmente al Sud. Senza soldi vincerà la disperazione. Serve attenzione, serve gradualità, serve il rispetto della distanza. Ma bisogna riaprire”. L’Italia “non può restare ibernata per un altro mese” perché “così si accende la rivolta sociale”, per questo “le istituzioni devono agire senza perdere nemmeno un giorno”.

Le paure sono ovviamente condivise anche dal resto del governo. Ma mentre esponenti Pd e M5s chiedono e studiano un’estensione del reddito di cittadinanza, il leader di Italia Viva lo boccia (“Non funziona, non garantisce la ripartenza”) e vuole un “piano per la riapertura”. Ovvero: “Le fabbriche devono riaprire prima di Pasqua. Poi il resto. I negozi, le scuole, le librerie, le messe”. La proposta “concreta” è che si torni sui banchi “il 4 maggio”, almeno i 700mila studenti delle ‘medie’ e i 2 milioni 700mila delle ‘superiori’. Una proposta che anche Carlo Calenda definisce “poco seria”. Mentre l’ex presidente del Senato, Pietro Grasso, si dice “rattristrato” nel “leggere che un ex Presidente del Consiglio, in un momento così difficile, pur di stare al centro dell’attenzione faccia proposte dannose nel merito e pericolose per la tenuta psicologica del Paese. Sic transit”.

E la risposta degli esperti è tranchant. “Pensare di riaprire le scuole il 4 maggio è una follia e fare proclami in questo momento è sbagliato”, risponde l’epidemiologo dell’università di Pisa Pierluigi Lopalco. “Dobbiamo essere cauti a dare illusioni se non abbiamo dati – rimarca – oggi abbiamo solo una flebile speranza in Lombardia ma ad esempio a Milano la situazione non è ancora sotto controllo. Come facciamo a riaprire le scuole se non abbiamo certezze. Non diamo false aspettative e speranze”. La verità, aggiunge poi l’epidemiologo, “ancora non la conosce nessuno, quello che è certo è che se riapriranno subito fabbriche e scuole, senza un piano basato sulle evidenze scientifiche, molti con il coronavirus conviveranno per brevissimo tempo”.

Duro il presidente della Fondazione Gimbe: “Riaprire prima di Pasqua? Governo e Parlamento decidano prima quante vite umane vogliono sacrificare per far ripartire l’economia – dice Cartabellotta – Renzi dalla tragedia di Bergamo non ha imparato proprio nulla”. Critico anche Gianni Rezza, direttore del dipartimento di Malattie Infettive dell’Istituto superiore di sanità: “Come epidemiologo devo guardare la salute pubblica e ora occorre rallentare e arrestare l’epidemia. Non possiamo tenere l’Italia chiusa per sempre, ma occorre prima vedere gli effetti delle misure importanti messe in campo dal governo”. In questo momento, aggiunge, “non si può dire nulla, non prima della fine del mese. Poi si possono studiare provvedimenti magari ‘stop and go’ o misure complementari. Vedremo cosa accadrà”.

Quello di Renzi è un discorso “prematuro”, invece, per il virologo dell’Università di Milano, Fabrizio Pregliasco: “Pensare di riaprire le scuole è prematuro. È giusto pensare al futuro ma serve molta attenzione. Dovremmo convivere con il fatto che pandemie come questa possono anche tornare, è accaduto con la Spagnola”. Questo virus, conclude, “non ce lo toglieremo dai piedi velocemente, ma in questa fase è necessario agire per poter arginare la dimensione di morti che c’è stata in Lombardia”.

Di fronte all’ondata di critiche, l’ex premier prova una maldestra precisazione, nonostante le tempistiche indicate nell’intervista ad Avvenire siano inequivocabili. Prima critica su Twitter: “Molti commentano la mia intervista a Avvenire senza averla letta. Per favore prima LEGGETE (tutto in maiuscolo, ndr) l’intervista e poi dite la vostra. Commentare senza aver letto è populismo, discutere su idee diverse è politica”. Poi ritorna sull’argomento con un video sui social: “L’intervista merita di essere approfondita – dice – La politica deve inseguire quello che succede o prevenire e immaginare? Questo è il punto della discussione”.

Rilanciando la commissione parlamentare d’inchiesta sulla prevenzione nei mesi di gennaio e febbraio che aveva proposto in Senato, Renzi parla del ‘durante’: “Per il vaccino ci vorrà un anno, cosa facciamo nel frattempo? Ci sono opinioni diverse. C’è chi dice di dare un reddito di cittadinanza esteso. Non credo che sia la soluzione, non si regge. Non puoi tenere gli italiani chiusi in casa per 3 anni o tre mesi”. Un’ipotesi mai avanzata dagli scienziati. “Bisogna pensare a un’uscita differenziata. Bisogna gradualmente iniziare a pensare a come ripartire, questo sto dicendo”. Ma nell’intervista ha indicato chiaramente una riapertura delle fabbriche “prima di Pasqua” e di un ritorno a scuola “il 4 maggio”. Nel video torna indietro, parlando di riapertura “a macchia di leopardo” durante il “mese di aprile” e chiede le “analisi sierologiche” per gli studenti prima di tornare in classe.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

‘Ndrangheta, arrestato a Gioia Tauro il figlio del boss Molè: aveva più di mezza tonnellata di droga nascosta sotto terra

next
Articolo Successivo

Coronavirus, 2783 persone denunciate in un giorno durante i controlli: dai giovani che vanno a casa degli amici a chi cerca droga

next