“In questo momento bisognerebbe sospendere le norme a tutela della privacy e lasciare ai sistemi sanitari di essere un po’ più liberi”. Lo ha dichiarato il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, in un punto stampa alla protezione civile di Marghera sul coronavirus. “Al momento non c’è sistema per controllare chi va al supermercato più volte al giorno, dobbiamo puntare sul senso civico. Sulla tracciabilità abbiamo disponibilità anche da Israele per dei sistemi intelligenti di verifica degli spostamenti ma vanno sempre a cozzare con quelle che sono le norme della privacy in questo paese”, ha aggiunto

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Coronavirus, Salvini: “Grazie Draghi per le sue parole. Benvenuto, ci serve il suo aiuto”. E a Conte: “Ammettere errori è segno di forza”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Conte: “Non garantisco miracoli, ma ce la mettiamo tutta. Pagamenti per la Cassa integrazione entro il 15 aprile. Presto altre misure per autonomi e partite Iva”

next