“Mi si permetta di ringraziare il presidente Draghi per le sue parole, perché è caduto il mito del non si può fare debito, oggi ci ha detto che ‘si può fare debito'”. Così Matteo Salvini, al Senato, ha elogiato l’ex numero uno della Banca centrale europea, che sul Ft ha aperto a interventi in debito, vista l’emergenza del coronavirus. “Benvenuto presidente Draghi – sottolinea Salvini – ci serve l’aiuto di tutti, ci serve anche il suo, quindi sono contento, di quello che potrà nascere”. Poi rilvolto al premier Giuseppe Conte ha aggiunto: “Presidente Conte, ogni tanto ammettere qualche errore fatto non sarebbe segno di debolezza ma di forza, altrimenti non staremmo qui a commentare 7503 italiani morti a cui va il nostro pensiero”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Coronavirus, Conte in Senato: “Più confronto con le opposizioni. In totale stanzieremo non meno di 50 miliardi”. Renzi e Salvini evocano Draghi: ‘Le indica la strada’. Il premier: ‘Siamo in sintonia, serve shock’

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Zaia: “In questo momento andrebbero sospese le norme a tutela della privacy”

next