Samsung Galaxy A31 è ufficialmente un nuovo smartphone del produttore sudcoreano, l’ennesimo appartenente alla fascia media dopo i Galaxy A11 e A41 svelati nei giorni scorsi. La serie Galaxy A, durante il 2020, si sta dunque arricchendo di numerose novità ma sembra anche essere un po’ affollata, col rischio che la differenza, di scheda tecnica e prezzo, tra un modello e l’altro non sia immediatamente evidente e comprensibile ai consumatori.

La scheda tecnica di questo Samsung Galaxy A31 comunque è abbastanza interessante. Se il design è tradizionale e con cornici non proprio sottili, soprattutto nella parte bassa, lo schermo domina comunque abbastanza il frontale, anche grazie a un notch a goccia abbastanza discreto. Il pannello è un Super AMOLED Infinity-U da 6,4 pollici con risoluzione Full HD+ (2400 x 1080 pixel). La fotocamera anteriore utilizza un sensore fotografico da 20 Mpixel. Sul retro, invece, sono stati incastonati ben quattro sensori rispettivamente da 48 Mpixel per la fotocamera principale, 8 Mpixel per l’ultra-grandangolare, 5 Mpixel per le foto in modalità macro e ancora 5 Mpixel per la rilevazione dei dati sulla profondità di campo.

All’interno è presente un processore MediaTek Helio P65 accompagnato da 4 o 6 GB di RAM e da 64 o 128 GB di memoria interna (espandibile fino a 512 GB tramite microSD), a seconda delle configurazioni. Confermato il sistema operativo, che sarà Android 10 con interfaccia proprietaria OneUI 2.0, e la capacità della batteria, ovvero 5000 mAh. Quest’ultima caratteristica, in particolare, dovrebbe garantire un’ottima autonomia, anche in ragione di una dotazione hardware non particolarmente esosa in termini energetici.

Per il momento non sono noti i prezzi e le informazioni in merito alla distribuzione del Samsung Galaxy A31 in Europa, ma il produttore sudcoreano dovrebbe comunque divulgare questi dettagli nei prossimi giorni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Instagram, arriva il co-watching: guardare i video insieme anche stando a casa da soli

next