di Carblogger

Il coronavirus ha fatto chiudere temporaneamente le fabbriche di automobili, mentre ha messo completamente a terra l’industria del trasporto aereo e quella del turismo. Per gran parte dell’economia, non abbiamo ancora molta visibilità sul futuro prossimo (incredibile quanto pesi ancora il giorno per giorno nelle decisioni globali), salvo affidarsi a previsioni basate su modelli matematici che proiettano nel tempo alcune tendenze attuali. Poco, a fronte di un pericolo pubblicamente classificato come sconosciuto.

Nel 2008, in America si decise di salvare banche e industria dell’auto, con l’obiettivo di evitare il tracollo del resto dell’economia. L’amministrazione Obama fu tacciata dai Repubblicani di “socialismo” per i finanziamenti federali elargiti a Gm e Chrysler per evitare la bancarotta. E oggi? L’amministrazione Trump ha parlato a fatica di “qualche aiuto” per Detroit se proprio si rendesse necessario a causa del coronavirus. Il segnale è chiaro: una eventuale crisi dell’auto non è considerata adesso un rischio per l’intero sistema.

Il governo francese si è invece mosso alla… francese. Il ministro dell’Economia si è detto pronto anche a “nazionalizzare” l’industria dell’auto per proteggerla dagli effetti della pandemia. Renault e Psa sono già partecipate dallo stato, la prima storicamente, la seconda soltanto dal 2014 dopo più di un secolo di rivendicata indipendenza. Nel 2009, il governo francese dell’epoca concesse a Renault e Psa aiuti diretti per 3 miliardi di euro ciascuno, falsando la competizione internazionale. Oggi per la Francia l’auto forse non rappresenta un rischio sistemico, ma è sempre viva Colbert e Napoleone.

Aspetto con curiosità la Germania, in piena rivoluzione culturale: sta mollando l’ultra rigorismo su cui ha modellato se stessa e l’Europa dalla firma del trattato di Maastricht nel 1992. Non mi stupirei succedessero lì cose mai viste.

Fiat e Chrysler nel 2008, Fiat Chrysler oggi. In Italia, le fabbriche del gruppo potranno contare su nuova cassa integrazione – come tutte le altre – ma non credo su altro. Non abbiamo una politica industriale da tempo. E c’è una fusione con Psa in corso, che probabilmente verrà considerata bastante a se stessa.

Piuttosto, domani all’auto serviranno – qui come nel resto del mondo e tra le macerie di una probabile recessione – altri incentivi pubblici per accelerare la transizione all’elettrificazione, una partita che ricomincerà dopo la fine dell’emergenza epidemiologica. Ma come giocarla e con quali giocatori, è la nuova incognita. Quasi come il coronavirus.

@carblogger_it

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Auto e coronavirus, l’informazione ristretta che piace agli industriali

next
Articolo Successivo

La ricetta Draghi applicata all’industria dell’auto. Ce la caveremo come dopo la crisi 2008/09?

next