Otto condanne e otto assoluzioni. Si è concluso con il rito abbreviato a Reggio Calabria il processo ‘Thalassa‘ nato da un’inchiesta nel 2018 aveva portato all’arresto di alcuni esponenti delle cosche Tegano e Condello di Archi. Ma anche di alcuni imprenditori e professionisti reggini finiti al centro di un’indagine sulla costruzione del ‘complesso immobiliare Thalassa’ da parte della Tegra Costruzioni Srl, che secondo gli inquirenti era uno ‘schermo’ dietro il quale si nascondevano gli interessi delle cosche di Archi.

Il gup Pasquale Laganà ha condannato Franco Polimeni a 20 anni di carcere. La stessa pena è stata inflitta ad Andrea Vazzana. Sono stati condannati, inoltre, i due omonimi Francesco Vazzana (uno classe 1970 e l’altro 1966) a 13 anni di reclusione, Anna Maria Cozzupoli (4 anni e 8 mesi), Pietro Zaffino (4 anni e 8 mesi), Peter Dominic Battaglia (3 anni e 4 mesi) e Giuseppe Crocé (3 anni e 4 mesi). Sono stati assolti, invece, Giorgio Benestare detto Franco, Natale Barillà, Giuseppe Cozzucoli, Pasquale Labella, Giuseppe Pellicone, Vincenzo Pellicone, Andrea Domenico Firriolo.

Coordinata dal procuratore Giovanni Bombardieri, dall’aggiunto Gaetano Paci e dal sostituto della Dda Stefano Musolino, l’inchiesta ha dimostrato come le due famiglie di ‘ndrangheta avevano allungato i loro tentacoli sull’edificazione della struttura, imponendo gran parte delle imprese fornitrici, ma anche sulla gestione della vendita dei vari appartamenti. Chi decideva di acquistarne uno doveva avere il placet delle cosche.

Nell’inchiesta erano stati coinvolti anche dipendenti pubblici come Peter Battaglia, prima responsabile dello sportello unico del Comune e poi delle relazioni istituzionali dell’Ente. È stato lui a firmare i permessi per costruire e ad autorizzare le successive varianti al progetto in maniera illegittima. E per questo è stato condannato a 3 anni e 4 mesi per corruzione, anche se il gup ha escluso, nei suoi confronti, l’aggravante mafiosa.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Coronavirus, mascherine vendute a 35 euro in negozi di telefonia e cosmetica: 8 indagati a Taranto per “manovra speculativa di merci”

next