In assenza di una cura efficace, gli scienziati di tutto il mondo sono a caccia di una terapia. Sono diverse le sperimentazioni partite con antivirali e con un anti artrite autorizzate dall’Aifa in Italia e sono tante le sperimentazioni in corso in diverse aree del mondo con i farmaci più disparati: antinfiammatori steroidei, anticorpi specifici e altri principi attivi. Dalla Francia arrivano notizia di dati incoraggianti, per esempio, sulla sperimentazione di un farmaco antimalarico, l’idroclorochina. combinato con un antibiotico, l’azitromicina.

La ricerca è stata condotta su un piccolo numero di pazienti da Philippe Gautret e Didier Raoult, dell’Istituto Meditettaneo per le infezioni dell’Università di Marsiglia (Ihu) e i risultati, già accessibili online, sono in via di pubblicazione sull’International Journal of Antimicrobial Agents. La decisione di sperimentare l’idroclorochina (un farmaco analogo alla clorochina) si è basata sui risultati positivi ottenuti in Cina contro la malattia causata dal coronavirus, la Covid-19. Quanto all’azitromicina, è un antibiotico, quindi un farmaco capace di uccidere dei batteri e non dei virus, ma in esperimenti condotti in laboratorio il farmaco si è dimostrato attivo contro i virus responsabili di Zika ed Ebola; si è inoltre dimostrato efficace nel prevenire infezioni respiratorie nelle persone colpite da infezioni virali.

La sperimentazione è stata condotta su 20 pazienti, alcuni dei quali asintomatici, altri con sintomi alle alte vie respiratorie e altri ancora con problemi alle basse vie respiratorie, come polmoniti o bronchiti. In tutti, scrivono gli autori della ricerca, è stata osservata “una significativa riduzione della carica virale” e questo, osservano, indica come l’idroclorochina associata all’azitromicina è “molto più efficiente ai fini dell’eliminazione del virus”.
I risultati ottenuti finora dalla sperimentazione francese sono promettenti e, sebbene occorrano ulteriori test prima di stabilire la validità della combinazione dei due farmaci, secondo i ricercatori potrebbero aprire la possibilità di contrastare la malattia da coronavirus in attesa che arrivino farmaci mirati per la Covid-19 e il vaccino.

Non funziona contro il coronavirus invece il Kaletra, la combinazione di due farmaci antivirali, lopinavir e ritonavir usati in uso per l’HIV che avevano acceso una piccola speranza a seguito della guarigione di alcuni pazienti (ad esempio una donna a Bangkok) cui erano stati somministrati. Il verdetto arriva da uno studio condotto presso l’ospedale cinese Jin Yin-Tan Hospital a Wuhan su 199 pazienti ricoverati con gravissima infezione da coronavirus. Pubblicato sul New England Journal of Medicine, lo studio è stato riportato sul New York Times. Metà dei pazienti sono stati trattati con le cure standard, come la ventilazione assistita se necessario, antibiotici per la polmonite, farmaci antinfiammatori e altre terapie per mantenere stabile il loro quadro clinico; l’altra metà ha ricevuto anche il cocktail dei due farmaci anti-Aids. Ma nessun risultato significativo è emerso in quest’ultimo gruppo di pazienti in termini di riduzione dei giorni di malattia o di riduzione del rischio di morte. “Nessun beneficio clinico è stato osservato sui pazienti trattati”, scrivono i ricercatori sul New England.

Tuttavia questo non spegne la speranza: è possibile che i due farmaci funzionino in combinazione con altre terapie, o che siano efficaci se somministrati più precocemente (quando ancora le condizioni del paziente non sono critiche), concludono i ricercatori, mentre in un editoriale sulla stessa rivista si parla di questo studio come di uno sforzo eroico e della necessità di continuare ad allestire sperimentazioni cliniche anche nel cuore dell’emergenza.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, patto trasversale per la scienza contro Gismondo: “Affermazioni pericolose”. Che replica: “Pietoso, lavoriamo tutti insieme”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Rasi (Ema): “Vaccino difficile. Puntiamo su alle cure nell’immediato”

next