La pandemia di coronavirus mette a rischio milioni di posto di lavoro. È l’allarme lanciato dall’Ilo, l’agenzia Onu sul lavoro.

La crisi economica generata dall’emergenza, rivela lo studio pubblicato oggi, “potrebbe far aumentare il numero di disoccupati nel mondo di 25 milioni”.

Una risposta coordinata della comunità internazionale – precisa l’agenzia dell’Onu – potrebbe “ridurre in modo significativo” il dato. In caso contrario, il conto per i lavoratori sarebbe salato.

A causa della pandemia, avvisa l’Ilo, si potrebbero perdere fino a 3.400 miliardi di dollari di stipendi entro la fine del 2020. In caso di reazione, invece, l’agenzia stima una contrazione più contenuta ma comunque non inferiore agli 860 miliardi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Coronavirus, sindacati contro il decreto: “Per gli operai che lavorano a meno di un metro di distanza solo mascherine chirurgiche”

next