Dopo l’annuncio di ieri in cui Facebook si è schierata al fianco di altri colossi del Web per combattere attivamente la diffusione di fake news sulle proprie piattaforme e aver annunciato di voler donare 20 milioni di dollari all’Organizzazione Mondiale della Sanità, oggi il gigante dei social ha fatto un ulteriore passo avanti, rendendo nota la volontà di stanziare più di 100 milioni di dollari per offrire supporto a 30mila piccole imprese presenti negli oltre 30 Paesi in cui opera.

L’assistenza finanziaria avverrà sotto forma di contributi in denaro e crediti pubblicitari, con lo scopo di aiutare le imprese a rimanere a galla connettendosi a un numero maggiore di clienti e al tempo stesso essere in grado di pagare i lavoratori che non possono recarsi al lavoro e contribuire ai costi e alle spese generali.

Foto: Depositphotos

Facebook inizierà ad accettare le candidature nelle prossime settimane. Nel frattempo, le aziende interessate possono già registrarsi per ricevere ulteriori informazioni. “Le piccole imprese sono il cuore pulsante delle nostre comunità e molte delle persone che gestiscono queste imprese sono pesantemente colpite dalla crisi, soprattutto perché sempre più persone stanno ragionevolmente a casa”, ha scritto Sheryl Sandberg, Chief Operating Officer di Facebook. “Più a lungo va avanti la crisi, maggiore è il rischio per le piccole imprese e per i mezzi di sussistenza dei loro proprietari e dipendenti”.

Facebook ha infine anche fatto sapere di voler dare a ciascuno dei propri dipendenti un bonus da 1000 dollari per supportarli durante la pandemia di Coronavirus mentre sono costretti a casa. Facebook impiega quasi 45.000 lavoratori a tempo pieno, ma dà lavoro anche a diverse migliaia di lavoratori a contratto. Non è chiaro se anche questi riceveranno un bonus.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

MIFA X3, auricolari in-ear Bluetooth impermeabili in offerta su Amazon con sconto del 43%

next
Articolo Successivo

Apple PowerBeats 4, ecco i nuovi auricolari ad archetto con 15 ore di autonomia

next