“Dopo gli ospedali, i supermercati sono l’area più a rischio contagio. Non possiamo lavorare senza mascherine”. Questa mattina i lavoratori di un supermercato torinese si sono astenuti dal lavoro per tre ore per denunciare la carenza dei dispositivi di protezione individuale: “Capiamo la difficoltà dell’azienda a reperirli, ma non possiamo essere sempre noi a rimetterci” spiega Ettore Cresto, Rsa della Filcams Cgil. Ma i lavoratori puntano il dito anche contro la scelta di mantenere il supermercato aperto per 24 ore: “Così ci ritroviamo a caricare gli scaffali in mezzo ai clienti mettendo a rischio noi stessi e le persone che ci passano vicino”. Una richiesta che è sostenuta anche a livello nazionale dai sindacati Fisascat Cisl, Uiltucs e Filcams Cgil che chiedono di ridurre l’orario di apertura e di introdurre la chiusura domenicale: “La domenica tutti a casa – conclude Umberto Radin, segretario della Filcams Cgil di Torino – perché a casa ci dicono che dobbiamo stare”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Coronavirus, 30 operai volontari tengono aperto reparto della Tenaris di Dalmine (Bergamo) per produrre bombole d’ossigeno

next
Articolo Successivo

Sono le Venti (Nove), sociologo Revelli: “Proteste lavoratori? Giuste. Non sono algoritmi, si possono ammalare e contagiare famiglie”

next