“Dopo gli ospedali, i supermercati sono l’area più a rischio contagio. Non possiamo lavorare senza mascherine”. Questa mattina i lavoratori di un supermercato torinese si sono astenuti dal lavoro per tre ore per denunciare la carenza dei dispositivi di protezione individuale: “Capiamo la difficoltà dell’azienda a reperirli, ma non possiamo essere sempre noi a rimetterci” spiega Ettore Cresto, Rsa della Filcams Cgil. Ma i lavoratori puntano il dito anche contro la scelta di mantenere il supermercato aperto per 24 ore: “Così ci ritroviamo a caricare gli scaffali in mezzo ai clienti mettendo a rischio noi stessi e le persone che ci passano vicino”. Una richiesta che è sostenuta anche a livello nazionale dai sindacati Fisascat Cisl, Uiltucs e Filcams Cgil che chiedono di ridurre l’orario di apertura e di introdurre la chiusura domenicale: “La domenica tutti a casa – conclude Umberto Radin, segretario della Filcams Cgil di Torino – perché a casa ci dicono che dobbiamo stare”

Memoriale Coronavirus

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, 30 operai volontari tengono aperto reparto della Tenaris di Dalmine (Bergamo) per produrre bombole d’ossigeno

next
Articolo Successivo

Sono le Venti (Nove), sociologo Revelli: “Proteste lavoratori? Giuste. Non sono algoritmi, si possono ammalare e contagiare famiglie”

next