“Nessuna guerra è stata vinta solo creando ospedali, le armi per vincere sono la quarantena, il contenimento e la sorveglianza attiva”. Andrea Crisanti è il direttore del laboratorio di microbiologia e virologia dell’Università di Padova. Fin dall’inizio dell’epidemia ha sempre sostenuto la necessità di estendere il test del tampone anche agli asintomatici. A partire dall’ospedale di Padova dove “seguendo l’esempio cinese, fin da subito abbiamo controllato tutto il personale e i pazienti per evitare che chi entrasse potesse infettare o essere infettato. È un nostro merito, anche se abbiamo disatteso le direttive ministeriali che non consentivano di eseguire i test sugli asintomatici”. La stessa strategia attuata a Vò Euganeo: “Abbiamo fatto fin dal primo momento tamponi a tutti scoprendo che il 3% della popolazione era positivo, ma che più della metà non presentava sintomi”. L’isolamento degli asintomatici ha fatto sì che a due settimane di distanza: “il numero dei positivi è passato dal 3% allo 0,3% ovvero una riduzione del 90%. Se avessimo questi numeri in tutta Italia, faremmo festa”. La strategia del Veneto adesso è quella di estendere i campioni il più possibile: “Il nostro obiettivo è di passare in una settimana da 1500 a 5000 test. Se non identifichiamo i casi uno per uno, non elimineremo la malattia”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, nel Bresciano mancano valvole per respiratori: ingegnere ne stampa 100 in 3d. “Coperte da brevetto? Non possiamo fermarci”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, una torre del Policlinico Tor Vergata ospiterà il terzo Covid Hospital di Roma: altri 80 posti letto per l’emergenza

next