Prima, con un video messaggio, ha annunciato che “nessun cittadino” era stato contagiato, richiamando però a seguire le regole, “rimanendo in casa”. Poi, però, è uscito festeggiando e sfilando per le strade del paese, abbracciando e scattando selfie con la cittadinanza. È quanto fatto, contravvenendo tra l’altro alla raccomandazione dell’Oms di non stringersi neanche le mani, dal sindaco di Agropoli, Adamo Coppola.

Il primo cittadino sabato 14 marzo dalla propria pagina Facebook, annunciava una buona notizia: i tamponi per il rilevamento del coronavirus eseguiti di recente su alcuni residenti nel Comune cilentano “sono tutti negativi“. Un messaggio di ottimismo subito seguito da un monito: “Ora arrivano i momenti più duri, più difficili, non dobbiamo assolutamente abbassare la guardia (…) La raccomandazione che abbiamo ripetuto in questi giorni è: dobbiamo restare a casa. Rispettiamo le regole”.

Un buon esempio che però il primo cittadino stesso non ha seguito. In serata, Coppola ha infatti deciso di festeggiare per le strade del paese, sfilando seguito dai mezzi della Protezione Civile e della Polizia locale. In un video postato su Instagram lo si vede mentre saluta i cittadini, abbracciando e scattando selfie con alcuni farmacisti della zona. Dopo la sfilata, il sindaco ha postato un nuovo video su Facebook, ringraziando tutti per “la serata bellissima” e in particolare coloro che lo hanno accompagnato in questo “giro di perlustrazione, che è poi diventato qualcosa di più”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, il racconto dall’ospedale di Bergamo: “Siamo al collasso, terapia intensiva al limite”. Si spera in nuove strutture ad hoc

next
Articolo Successivo

Coronavirus, la retromarcia del presidente dell’Ordine dei biologi D’Anna: annuncia le dimissioni, poi in serata le ritira

next