Oltre 6000 detenuti in rivolta che hanno causato il ferimento di oltre 40 agenti della polizia penitenziaria e la morte di 12 carcerati “per cause che, dai primi rilievi, sembrano perlopiù riconducibili ad abuso di sostanze sottratte alle infermerie durante i disordini”. Sono i numeri delle rivolte nelle carceri dati dal ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, durante la sua relazione al Senato sul caso carceri. “Grazie al lavoro congiunto della polizia penitenziaria e delle altre forze dell’ordine tempestivamente allertate, 56 evasi a Foggia sono stati riportati in carcere – ha continuato il ministro – Allo stato, risultano latitanti 16 detenuti che erano soggetti al regime di media sicurezza. Risultano gravi danni strutturali”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, la rabbia del commissario in Emilia: “Due operatori hanno rivenduto mascherine e guanti in una sala slot. Comportamento infame”

next
Articolo Successivo

Pacchi bomba nel Lazio, altri cinque casi tra Roma, Viterbo e Rieti: ferita una donna

next