Una 28enne è stata accoltellata nella notte tra lunedì e martedì nel centro di San Michele di Appiano, paese vicino a Bolzano in Alto Adige. Un 25enne è stato arrestato dai carabinieri con l’accusa di omicidio aggravato. Il ragazzo da tempo perseguitava la donna, madre di una bambina di 3 anni, con una serie di attenzioni moleste. In passato il 25enne, che aveva avuto una frequentazione con la vittima, era già stato denunciato dalla donna per stalking. È stato incastrato dalle immagini delle telecamere di videosorveglianza che lo hanno immortalato, nell’orario in cui è avvenuto l’omicidio, nella zona vicina al locale dove è stata uccisa la 28enne.

La vittima è Barbara Rauch: il suo corpo è stato ritrovato all’interno del locale Bordeaux Keller, enoteca di cui era titolare e che gestiva insieme al compagno. A dare l’allarme è stato proprio il convivente della vittima che si è preoccupato non vedendola tornare a casa. Quasi contemporaneamente dei passanti hanno visto il corpo della donna sul pavimento del locale attraverso una finestra e hanno chiamato aiuto.

I carabinieri hanno fermato il 25enne mentre vagava vicino alla sua abitazione a Terlano, verso le 3 e mezza del mattino. La presenza del 25enne sul posto, secondo quanto trapelato, è confermata dalle immagini registrate dalle telecamere di sorveglianza installate in zona. La stessa Procura di Bolzano, che indaga sul delitto assieme ai carabinieri, ha infatti precisato che “sono state raccolte tutte le immagini relative agli spostamenti dell’indagato e repertati diversi oggetti utili per la ricostruzione della dinamica dei fatti”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Napoli, 15enne tenta rapina con una pistola finta: carabiniere non in servizio spara tre colpi e lo uccide

next