Una 28enne è stata accoltellata nella notte tra lunedì e martedì nel centro di San Michele di Appiano, paese vicino a Bolzano in Alto Adige. Un 25enne è stato arrestato dai carabinieri con l’accusa di omicidio aggravato. Il ragazzo da tempo perseguitava la donna, madre di una bambina di 3 anni, con una serie di attenzioni moleste. In passato il 25enne, che aveva avuto una frequentazione con la vittima, era già stato denunciato dalla donna per stalking. È stato incastrato dalle immagini delle telecamere di videosorveglianza che lo hanno immortalato, nell’orario in cui è avvenuto l’omicidio, nella zona vicina al locale dove è stata uccisa la 28enne.

La vittima è Barbara Rauch: il suo corpo è stato ritrovato all’interno del locale Bordeaux Keller, enoteca di cui era titolare e che gestiva insieme al compagno. A dare l’allarme è stato proprio il convivente della vittima che si è preoccupato non vedendola tornare a casa. Quasi contemporaneamente dei passanti hanno visto il corpo della donna sul pavimento del locale attraverso una finestra e hanno chiamato aiuto.

I carabinieri hanno fermato il 25enne mentre vagava vicino alla sua abitazione a Terlano, verso le 3 e mezza del mattino. La presenza del 25enne sul posto, secondo quanto trapelato, è confermata dalle immagini registrate dalle telecamere di sorveglianza installate in zona. La stessa Procura di Bolzano, che indaga sul delitto assieme ai carabinieri, ha infatti precisato che “sono state raccolte tutte le immagini relative agli spostamenti dell’indagato e repertati diversi oggetti utili per la ricostruzione della dinamica dei fatti”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Napoli, 15enne tenta rapina con una pistola finta: carabiniere non in servizio spara tre colpi e lo uccide

next