di Riccardo Lenzi

In attesa dell’inizio del processo ai presunti mandanti della bomba che il 2 agosto 1980 massacrò 85 innocenti, credo possa essere utile rimettere in fila, a disposizione di chi voglia leggerle, qualche informazione su uno degli imputati, accusato di aver partecipato attivamente alla più sanguinosa delle stragi nere: Paolo Bellini.

L’uomo dei segreti, il cui viso pare sia stato filmato alla stazione di Bologna proprio il 2 agosto 1980, pareva deciso a cambiare vita e, anche grazie alla fede, chiudere con un passato burrascoso. Ma i fantasmi del passato sono tornati a disturbare l’agognata quiete dell’aviere reggiano. Oltre alle telegrafiche informazioni apparse in alcuni articoli pubblicati durante il processo a Gilberto Cavallini (recentemente condannato in primo grado quale complice degli altri esecutori: Mambro, Fioravanti e Ciavardini nella medesima strage), ad oggi l’unico libro interamente dedicato a Bellini è La primula nera (Aliberti, 2009) di Giovanni Vignali, giornalista di Reggio Emilia.

Paolo Bellini, l’ex terrorista nero nelle pagine dei giornalisti che si sono occupati di lui

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, pronto decreto per i tribunali. In serata le misure restrittive sulle attività giudiziarie

next
Articolo Successivo

Cecchi Gori non andrà in carcere: sconterà la condanna a 8 anni e 5 mesi ai domiciliari. “Motivi di salute, oltre a rischio coronavirus”

next