Dopo che Washington ha innalzato al livello massimo dell’allerta per i viaggi nelle zone più colpite dal coronavirus, nella notte italiana American Airlines ha sospeso fino al 24 aprile tutti i voli da e per Milano. Nelle maglie di questa decisione è rimasto impigliato un gruppo di italiani, fatti scendere da un aereo che sarebbe dovuto decollare dall’aeroporto Jfk poco dopo le 18 locali. L’equipaggio si è rifiutato di salire a bordo per paura del contagio, e a nulla sono valse le rimostranze dei passeggeri che sono stati letteralmente bloccati in fase di imbarco. La compagnia giustifica il blocco con “la riduzione della domanda”. A seguire hanno annunciato le sospensioni anche Delta e la Turkish.

A raccontare all’ANSA l’iniziativa di American Alessandro Mezzanotte, avvocato, che stava rientrando in Italia assieme a un gruppo di colleghi da una missione oltreoceano. Il loro volo AA198 era in programma alle 18.05, destinazione Milano Malpensa. Ad imbarco aperto, il personale di bordo ha fatto sapere che considerava rischioso compiere quel viaggio, trovando immediato appiglio nelle decisioni prese una manciata di minuti prima dalle autorità americane. “Viaggi nelle aree colpite dal virus solo se necessari”. E quel volo, evidentemente, non era considerato tale.

“Quando già si era proceduto all’imbarco di 5 dei 9 gruppi di viaggiatori – racconta Mezzanotte – gli ingressi sono stati bloccati e coloro che erano saliti sono stati fatti scendere. Sbarrato il finger. A chi chiedeva informazioni, il personale ha spiegato a voce dei timori dell’equipaggio, senza però fornire soluzioni”. American Airlines, inizialmente, ha opposto qualche resistenza ad ammettere che l’aereo non avrebbe mai toccato il suolo di Malpensa, ma dopo un’ora ha ufficialmente cancellato il volo. E non molto più tardi ha pubblicato una nota che avvisava della sospensione di tutti i voli da e per Milano fino al 24 aprile.

Per alcune ore, lunghe e concitate, ai passeggeri attoniti del Jfk non è stata fornita alcuna informazione precisa: se sarebbero partiti, quando, da dove. Dirimente è stato l’intervento del Consolato Generale di New York e dell’Ambasciata d’Italia a Washington, che hanno fin da subito prestato assistenza agli italiani e contribuito a dirottarli su altri voli per l’Italia. Dopo una notte in albergo, alle 20.45 di oggi (ora locale), il gruppo passerà di nuovo i controlli di sicurezza dello scalo americano. Stavolta con la certezza di riuscire ad arrivare a destinazione: ad attendere in pista ci sarà un aereo di Alitalia.

Anche Delta Airline ha annunciato che sospende tutti i voli per Milano sino al primo maggio per l’epidemia di coronavirus. Proseguiranno invece i collegamenti con Roma. La Turkish Airlines invece ha annunciato oggi di aver temporaneamente cancellato tutti i voli per l’Italia. In un comunicato, la compagnia di bandiera ha dichiarato che il divieto di volo avrebbe avuto effetto immediato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Coronavirus, Trump: “Prima vittima in Usa”. Allerta massima nei confronti dell’Italia del Nord e Corea del Sud

next
Articolo Successivo

Primarie Usa, Joe Biden trionfa in South Carolina alla vigilia del Super Tuesday: premiato dal voto afroamericano

next