Due giorni fa, mentre era in classe, si è improvvisamente accasciata a terra. Infarto. Una studentessa di 14 anni del liceo Duca d’Aosta di Padova è stata trasportata d’urgenza in ospedale e ricoverata nell’Unità di cura intensiva coronarica dell’Azienda ospedaliera di Padova, dove i medici oggi hanno dichiarato la morte cerebrale. Il decesso è stato dichiarato, seguendo la procedura, dopo due visite a distanza di sei ore l’una dall’altra, per confermare definitivamente l’assenza di attività cerebrale.

Un caso simile si è verificato a Trapani dove uno studente di 19 anni si è sentito male a scuola ed è morto poche ore dopo, in ospedale. Il ragazzo, di origini albanesi, da anni viveva a Makari, frazione di San Vito Lo Capo, e frequentava l’Istituto alberghiero Florio di Erice. La direttrice Pina Mandina si è detta “sconvolta e incredula” e racconta che il ragazzo ha detto all’insegnante di avere mal di testa e che la notte non aveva dormito. “È stato il docente a suggerirgli di farsi venire a prendere, per andare a casa. È andato via poco dopo, in auto con un suo cugino. Ma la situazione – aggiunge – non appariva per nulla preoccupante. Pensavamo ad un’influenza“. Dopo essere uscito da scuola però lo stato di salute è peggiorato, al punto che, anziché andare a casa, il ragazzo è stato portato al pronto soccorso. “È entrato in codice verde – aggiunge la preside – poi, verso le 15, abbiamo ricevuto una telefonata dall’ospedale che ci ha comunicato la tragica notizia”. Il 19enne è morto mentre i medici del “Sant’Antonio Abate” lo stavano sottoponendo ad esami diagnostici. La Procura di Trapani ha aperto un fascicolo e la salma è ora sotto sequestro. Saranno gli accertamenti disposti dai magistrati a stabilire le cause del decesso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, quarantena finita alla Cecchignola. Il ministro Speranza: “Chi esce avrà certificato di estraneità al virus”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, è morto il 78enne ricoverato nel Padovano. 15 contagiati in Lombardia, un altro in Veneto. Chiuse attività in 10 paesi, tampone a 4200 persone a Vò Euganeo – DIRETTA ORA PER ORA

next