“La situazione è molto preoccupante. E anche la gente è preoccupata. Su indicazione della Regione la gente sta rimanendo in casa e il paese è quasi deserto”, così il sindaco di Castiglione d’Adda Costantino Posatori a margine della conferenza stampa in regione Lombardia dopo i casi di coronavirus accertati sul territorio regionale. “La maggior parte sono castiglionesi – continua il primo cittadino – Si stanno valutando le modalità del contagio e tre sono persone anziane, pensionati. Le scuole? Saranno chiuse anche per ordinanza prefettizia e l’invito è quello di non recarsi al lavoro. Anche chi non risiede da noi ma lavora in paese è invitato a non venire, senza però creare allarmismi”. E sull’ipotesi del focolaio in un bar di Codogno specifica: “Non è accertata. Le condizioni dei quattro, clienti del bar, sono comunque stabili. L’idea era di trasferirli al Sacco e penso che ora siano arrivati”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus in Lombardia, il ministro Roberto Speranza: “Un piano per circoscrivere l’area”. Conte: “Non serve sospendere Schengen”

next