L’offerta di Intesa Sanpaolo affiancata dal gruppo Unipol per acquisire Ubi “appare ostile, non concordata, non coerente coi valori impliciti di Ubi e dunque inaccettabile“. Il giorno dopo il freddo comunicato del cda e la lettera in cui Victor Massiah avverte che la proposta “dovrà passare attraverso un complesso, e per nulla scontato, iter di approvazione”, giovedì è arrivato lo stop dei grandi soci dell’istituto bergamasco. Il prezzo dell’ops in azioni, generoso dal punto di vista del premio, costringerebbe però molti di loro a diluirsi in modo netto nel nuovo gruppo bancario rispetto alla quota posseduta al momento. Motivo per cui non la ritengono congrua. E si dicono disposti ad aumentare la loro quota per provare a reagire. Lunedì prossimo si riuniranno i due restanti patti di sindacato, il Sindacato azionisti Ubi Banca a cui aderiscono i soci storici bresciani – inclusa la famiglia di Giovanni Bazoli – e il Patto dei Mille, che raccoglie una piccola rappresentanza di soci bergamaschi.

Il Car, patto di consultazione che ha una quota pari al 17,8% del capitale e a cui aderiscono Fondazione Banca del Monte di Lombardia, Fondazione Crc, i Bombassei, i Pilenga, la famiglia Bosatelli, Radici Group, la famiglia Andreoletti e la Upifra della famiglia Beretta, si è riunito a Bergamo per discutere dell’offerta di scambio annunciata lunedì sera. Ne è uscito un comunicato in cui i grandi soci sottolineano che Ubi “è una banca sana, stabile, redditizia, ben gestita per competenze, risorse umane, competitiva e riconosciuta sul mercato di riferimento, realtà centrale per il sistema socio-economico del Paese”. E concludono di “dover tutelare, al contempo, il loro investimento e la banca con i suoi territori di riferimento”, essendo “impegnati in un progetto di medio e lungo periodo”.

Mario Cera, membro del comitato di presidenza, ha definito la proposta inadeguata dal punto di vista dei valori “economico patrimoniali”: “C’è un patrimonio netto, basta vedere il bilancio”, ha detto, facendo implicito riferimento al fatto che Intesa valorizza Ubi circa 0,6 volte il patrimonio netto. Cera ha aggiunto: “Abbiamo pensato molto oggi al personale, alle risorse umane di Ubi, il suo patrimonio è essenzialmente il suo personale. Vogliamo tutelare la banca così com’è”. E, alla domanda se il Car sia disponibile ad aumentare la propria quota, ha risposto: “Non escludiamo nulla”. “Non abbiamo bisogno di Intesa, l’intesa ce l’abbiamo già in casa”, ha scherzato il notaio Armando Santus, sempre del comitato di presidenza del patto di consultazione.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Taglio cuneo, Ufficio parlamentare di bilancio: “Decreto crea disparità per incapienti e tra famiglie, così più difficile la riforma dell’Irpef”

next
Articolo Successivo

Air Italy, il governatore sardo Solinas: “Lettera dell’ad di Qatar Airways, è disposto a mantenere il 49%”. La compagnia smentisce

next