“La fast fashion impone stereotipi di genere e bellezza violenti e produce un enorme inquinamento”. Questa la denuncia delle attiviste di Non una di meno e dei collettivi studenteschi di Milano e provincia che giovedì pomeriggio hanno dato vita a una performance di protesta, ispirata alla “mannequin challenge”, all’interno al negozio Zara di Corso Vittorio Emanuele. Le femministe hanno colto l’occasione della Fashion Week che fino al 24 febbraio trasforma Milano nella città della moda. “Ci siamo immobilizzati come veri e propri manichini indossando magliette che invece di mostrare incredibili promozioni presentavano gli stessi dati che stavamo denunciando”, spiega Elena di Non una di meno al Fattoquotidiano.it. “Noi vogliamo immaginare un futuro possibile – le fa eco Paola del coordinamento dei collettivi studenteschi di Milano – vogliamo continuare a vivere su questo pianeta perché non ne abbiamo un altro”. I movimenti hanno lanciato anche la mobilitazione prevista per marzo: il 6 sarà infatti in programma un corteo studentesco, l’8 un corteo cittadino e il 9 uno sciopero globale transfemminista.
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Padova, infarto in classe: muore studentessa di 14 anni. Un altro caso a Trapani, un 19enne colpito da malore è deceduto in ospedale

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Cappato: “Sia libero accesso a studi dei ricercatori”. Associazione Coscioni: “Italia 23esima per libertà scientifica”

next