Si parla solo del Festival di Sanremo, per la gioia di Amadeus. I protagonisti e le polemiche continuano a tenere banco sul piccolo schermo, spopolano sui social e sui giornali. Le polemiche, com’è noto, hanno accompagnato la kermesse per mesi prima della messa in onda ma stanno continuando anche in questi giorni. Alla lista il sito TPI in un retroscena aggiunge uno scontro che sarebbe avvenuto dietro le quinte del Teatro Ariston, tra i corridoi e camerini, tra due big in gara: Elodie e Marco Masini.

Di fronte agli addetti ai lavori sarebbe scattata la scintilla, colpa di una frase pronunciata dal cantante fiorentino che, dopo aver incrociato l’ex concorrente di Amici, avrebbe detto: “Oh, ciao ma quant’è che non mangi?”. Un saluto forse non formulato nel migliore dei modi ma magari con l’intento di un complimento, un modo per sottolinearne la bellezza e il fisico da urlo, ottenuto forse con una dieta ad hoc. La frase però, secondo il sito in questione, avrebbe mandato su tutte le furie la fidanzata di Marracash e quest’ultima, complice la tensione prima dell’esibizione, avrebbe fatto un vera e propria sfuriata a Masini.

Una reazione dovuta, secondo i presenti, all’associazione secondo Elodie a disturbi alimentari, da qui la sua scenata. Il cantante sarebbe rimasto pietrificato ma avrebbe ricevuto dalla ragazza le scuse per i toni eccessivi usati durante la discussione. Uno scontro dunque che si sarebbe concluso, si immagina, con una stretta di mano. Con “Andromeda” la cantante lanciata da Maria De Filippi sta ottenendo buoni risultati nelle classifiche, è stata ospite nei giorni scorsi a Domenica In, Amici e a L’Assedio di Daria Bignardi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Successivo

Achille Lauro conteso dalle major, alla fine la spunta Warner Music Italy, ma la Sony non ci sta: “È un nostro artista in esclusiva” e si crea un caso, ecco perché

next