“Sempre più spesso leggo considerazioni piene di ironia nei confronti dei buoni sentimenti. Voglio dire con garbo ma con chiarezza che preoccuparsi del bene comune non è una espressione buonista da libro ‘Cuore’. Bisogna tutti attivarsi concretamente per il bene comune, per la solidarietà che porta progresso al Paese”. Lo ha sottolineato il presidente Sergio Mattarella nella cerimonia di premiazione degli “eroi civili” che si è svolta al Quirinale.

“La solidarietà non è solo altruismo, è sentirsi parte di una comunità e questo rende i cittadini protagonisti e costruttori di una società. La spinta egoistica muove verso lo star bene da soli, mentre la solidarietà porta reciprocamente al bisogno dell’altro per condividere speranze e difficoltà per camminare insieme”, ha aggiunto il Capo dello Stato, che ha consegnato 31 onorificenze al merito della Repubblica ad altrettanti cittadini che si sono distinti per atti di eroismo e impegno civile.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Open Arms, la difesa di Salvini nella memoria alla Giunta per le Immunità: “Non spettava all’Italia assegnare un porto sicuro alla nave”

next
Articolo Successivo

M5s in Campania punta sul ministro Costa. Il via libera di Crimi, Fico e Di Maio. Pd regionale: “De Luca è il candidato, sì a un campo largo”

next