Allagamenti “potenzialmente mortali”, raffiche di vento che sfiorano i 100 km orari e black-out: la tempesta Dennis è arrivata sul Regno Unito con tutta la sua forza, causando già tre vittime. Le autorità britanniche hanno diramato il cosiddetto “red rain warning”, l’allarme rosso per le precipitazioni intense, che non si registrava dal 2015. La tempesta, avvertono, è “potenzialmente mortale” nel Galles del Sud, dove un uomo è morto dopo essere caduto nel fiume Tawe.

Sono stati emessi oltre 300 avvisi di alluvione, in tutto il Paese, inclusi sette ‘gravi’: due in Inghilterra, due nel Galles e tre in Scozia. Nel sud dell’Inghilterra sono in corso le ricerche di una ragazza di 20 anni, che era stata vista per l’ultima volta nella spiaggia di Brighton: da quel momento non si hanno più sue notizie. La tempesta Dennis si abbatte in queste ore anche sulle coste, sollevando enormi onde nell’Atlantico settentrionale e nel mare del Nord, alte più di 30 metri: il mare ieri ha restituito due cadaveri. Uno potrebbe appartenere a un membro dell’equipaggio della petroliera Lpg, che risultava disperso. Il ministero della Difesa ha schierato le truppe nel West Yorkshire, nel Nord dell’Inghilterra, territorio già gravemente colpito dalle inondazioni causate dal passaggio di un’altra tempesta, Ciara, lo scorso fine settimana.

Disagi alla circolazione aerea in tutta Europa: le compagnie aeree British Airways e EasyJet hanno cancellato più di duecento voli per il maltempo. La tempesta ha colpito anche la Francia, dove circa 14mila case sono senza elettricità nel nord e ovest della Francia.”Questo pomeriggio, il vento raggiungerà i 100-110 km orari, con picchi a 120 chilometri l’ora”, ha fatto sapere la prefettura del Morbihan, in Bretagna, tramite una nota. La tempesta sfiorerà solo in parte l’Italia, con conseguenze limitate sulle regioni del Nord e, in particolare, per l’arco alpino, dove si registreranno abbondanti nevicate.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Parigi, En Marche ha trovato la candidata per la poltrona di sindaco: è Agnes Buzyn, ministra della Salute

next