Un’anziana è stata trovata uccisa in casa stamane a Rovigo, e accanto a lei c’era il marito, ferito e in condizioni critiche, raggiunto come la donna da un colpo di pistola. I due, secondo quanto si apprende, avrebbero lasciato una lettera firmata da entrambi in cui chiedono scusa per il loro gesto. L’uomo, 87 anni, ex gestore di un impianto di carburante, si trova in rianimazione in ospedale, in condizioni disperate. La moglie aveva 78 anni. Sul posto gli uomini della Polizia.

È tutto avvenuto in una casa a due piani di via Gramsci, nel quartiere Commenda. La vittima si chiamava Renata Berto. Il marito, Tino Bellinello, si trova in ospedale, intubato, ed è in condizioni gravissime. Non vi sono ancora ipotesi sulle cause scatenanti della tragedia. La lettera di scuse lasciata dai due anziani sarebbe indirizzata ai due figli della coppia. La pistola usata per l’omicidio e il tentativo di suicidio è una Beretta, che l’uomo, ex cacciatore, deteneva regolarmente.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Lecce, bambino scomparso nel nulla 43 anni fa: c’è la svolta. Indagato presunto pedofilo per omicidio e occultamento di cadavere

next
Articolo Successivo

Teramo, 15enne alla guida investe e uccide la madre. “Involontaria conseguenza di un litigio”

next