La Commissione Ue nelle sue stime d’inverno lima al ribasso le previsioni di crescita dell’Italia: nel 2020 il pil salirà “solo leggermente”, di 0,3%, “anche a causa di un effetto negativo di trascinamento” dal 2019 visto che nell’ultimo trimestre dell’anno il Pil è calato dello 0,3%. Nel 2021 la crescita dovrebbe fermarsi a +0,6%. A novembre scorso la previsione era rispettivamente di +0,4% e 0,7%. L’Italia, come avviene da anni, è di gran lunga il fanalino di coda dell’Eurozona e della Ue per crescita attesa, sia nel 2020 che nel 2021, oltre che per il 2019 quando stando alle stime è cresciuta dello 0,2%. Al penultimo posto si è piazzata la Germania, che ha rallentato a +0,6% e l’anno prossimo crescerà solo dell’1,1, come la Francia. La media dell’Eurozona è dell’1,2% per tutti e tre gli anni mentre la Ue dopo il +1,5 del 2019 dovrebbe crescere dell’1,4 per cento.

“I consumi privati spinti dal nuovo reddito minimo“, sottolinea il documento, “dovrebbero sostenere la crescita nel periodo della previsione”. Il commissario europeo all’Economia Paolo Gentiloni ha sottolineato che il reddito di cittadinanza voluto dal Movimento 5 Stelle “certamente produce effetti distributivi tecnicamente misurabili in termini di crescita”. Ovviamente, ha aggiunto, “non diamo una valutazione politica su congruità o meno” della misura, quindi “non confonderei questo con una valutazione positiva e negativa“. In ogni caso si prevede che “i redditi salgano solo moderatamente, perché è probabile che le famiglie sentano le ripercussioni dell’allentamento del mercato del lavoro, mentre ci si attende che i risparmi precauzionali restino alti”.

Inoltre Bruxelles segnala che “i rischi al ribasso sulla prospettiva di crescita restano pronunciati”. Le indagini sulle imprese suggeriscono un lento avvio nel 2020. La fiducia nell’industria è migliorata a gennaio, ma non suggerisce ancora un rimbalzo imminente nella produzione industriale. Tuttavia “la stabilizzazione provvisoria della produzione manifatturiera, associata all’inversione del ciclo delle scorte, assieme alla ridotta incertezza politica domestica e a condizioni favorevoli del credito, sono probabili fattori di sostegno alla domanda interna oltre il breve termine”, scrive la Commissione. L’attività dei servizi, anche se non immune dal debole ciclo industriale, dovrebbe sostenere la crescita del Pil reale nel breve termine. Per il Tesoro la revisione al ribasso “riflette i recenti dati di attività nell’industria e nelle costruzioni relativi all’ultimo trimestre del 2019, che riteniamo tuttavia influenzati in parte da fattori temporanei o relativi alla destagionalizzazione”. Quindi “è ancora presto per valutare l’impatto dei recenti dati macroeconomici sulla crescita del PIL nel 2020. Per una valutazione più equilibrata è opportuno attendere quantomeno i dati sull’attività dei servizi nel quarto trimestre e sulla produzione industriale di gennaio”.

Le previsioni d’inverno lasciano invariate le stime di crescita per la zona euro e per la Ue-27: nel 2020 e 2021 dovrebbero crescere rispettivamente di 1,2% e 1,4%, come previsto a novembre scorso. “L’economia europea continua a mostrare resilienza verso l’ambiente esterno impegnativo, la crescita lenta continua guidata dalla domanda interna” e si tratta “dell’espansione più lunga all’introduzione dell’euro nel 1999”, ha detto Gentiloni. “La crescita prosegue con passo costante e moderato”, scrive l’esecutivo europeo, che segnala però “nuovi rischi” come il Coronavirus che lasciano le prospettive “ancorate al ribasso”. Per ora si vedono effetti globali “limitati”, ma “più a lungo dura e più impatteranno su sentimento economico e condizioni globali di finanziamento.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Tasse, il governo apre il tavolo di riforma Irpef. Quoziente familiare alla francese o aliquota personalizzata tedesca, i modelli a confronto

next
Articolo Successivo

Corte dei Conti: “Da coronavirus e tensioni geopolitiche rischi su finanza pubblica”. E sulle nuove concessioni: “Accelerare le gare”

next