Nel 2019 il pil italiano dovrebbe crescere dello 0,1%, trainato dai consumi privati che risentono positivamente dal reddito di cittadinanza e dal calo dei prezzi dell’energia. Ma è probabile che questi fattori positivi “vengano attenuati da un mercato del lavoro meno dinamico e dal calo della fiducia dei consumatori associata all’aumento di risparmi preventivi”. Nel 2020 il progresso del pil arriverà invece a +0,7%. A scriverlo è la Commissione europea nelle previsioni economiche d’estate diffuse oggi, che confermano le stime di primavera pubblicate all’inizio di magio. Il risultato è che la Penisola resta ultima per crescita nella Ue in entrambi gli anni. Nel 2019 l’Eurozona registrerà in media un progresso dell’1,2%, destinato a salire a +1,4% l’anno dopo. Dietro Roma quest’anno si piazza Berlino, che rallenta dal +1,4% del 2018 al +0,5% previsto per quest’anno, ma nel 2020 risalirà a +1,2%.

Quest’anno in Italia, sottolinea Bruxelles, la spesa in conto capitale, “specie gli investimenti in impianti, è previsto che rimarrà fiacca, a causa delle deboli prospettive di domanda e delle incertezze legate alla politica“. La crescita “marginale” del 2019 sconta un “contesto esterno difficile“, mentre l’anno venturo “l’attività economica dovrebbe rimbalzare moderatamente dello 0,7%, in linea con il graduale miglioramento delle prospettive del commercio globale, beneficiando di un effetto di trascinamento positivo e degli effetti di calendario, dato che il 2020 ha due giorni lavorativi in più del 2019″.

Nel rapporto si ricorda che “le tensioni sui mercati sono recentemente scemate, prima a causa delle aspettative di allentamento della politica monetaria e poi ulteriormente aiutate dalla correzione dei conti adottata dal Governo con l’assestamento di bilancio. La correlata compressione dei tassi sul debito, se sostenuta, potrebbe alleggerire i costi di funding delle banche e sostenere il credito alle imprese”.

La crescita prevista dell’Italia per l’anno venturo resta la metà di quella attesa per l’Eurozona (+1,4% nel 2020) e il nostro Paese rimane l’unico ad avere una crescita economica attesa inferiore all’1% nel 2020. La Germania, che quest’anno dovrebbe crescere dello 0,5%, nel 2020 è vista a +1,4%. Tra le maggiori economie dell’Eurozona, la Francia resta lontana (+1,3% nel 2019 e +1,4% nel 2020), per non parlare della Spagna (+2,3% nel 2019 e +1,9% nel 2020). Va meglio anche la Grecia (+2,1 e +2,2%, rispettivamente), che però parte da una base molto più bassa e ha dimensioni non comparabili con l’economia italiana. Il Portogallo, per restare tra i Paesi del Sud Europa, è atteso all’1,7% sia nel 2019 che nel 2020. Fuori dall’area euro, il Regno Unito, pur alle prese con la Brexit e le relative incertezze, dovrebbe crescere dell’1,3% sia quest’anno che l’anno prossimo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ue, von der Leyen incontra gruppi: Verdi chiedono impegno sul clima. Zanni (Id): “Valuteremo nel merito”

next
Articolo Successivo

Inps, nel 2018 rosso aumenta a 7,8 miliardi. Tridico: ‘Beneficiari di quota 100 saranno 30% in meno rispetto a stime’

next